`All Impossible Worlds´

Autore disco:

Hysm? Duo

Etichetta:

Wallace, Have You Said Midi, Neon Paralleli, Il verso del cinghiale, Lemming, Only Fucking Noise (I)

Link:

www.wallacerecords.com
haveyousaidmidi.blogspot.it
neonparalleli.blogspot.it
www.onlyfuckingnoise.it
lemmingrecords.blogspot.it
www.ilversodelcinghiale.org

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Leviathan Vs Predator 2) First And Second Hypothesis 3) Green Flesh 4) I Want To Hug Everything 5) Desires And Choice 6) Death And Dreams

Durata:

39:50

Con:

Stefano Spataro, Jacopo Fiore, Paolo Cantù, Andrea Caprara, Francesco Li Puma, Nicolò Gelmetti

Hysm? Duo: basta la parola

x Tino Scotti (no ©)

Nonostante la presenza di ospiti illustri, in una buona metà del disco, gli Hysm? Duo continuano ad agire come un duo, tanto che si potrebbe soprassedere sulla presenza di quei rincalzi se solo non fossero evidenziati nelle note di copertina. Non fraintendetemi, non intendo tanto dire che la presenza di gente come Li Puma, Caprara e Cantù sia nulla o inutile, quanto che la prepotenza di Spataro e Fiore è tale da non dare adito a spaccature fra i brani che affrontano da soli e quelli in cui sono supportati dai pur pregevoli rincalzi. Quanto alla musica del duo, trovo che si ricolleghi a quelle formazioni storiche simili a loro per formula - No Means No, Ruins, Happy Flowers … - che in tempi non sospetti miscelavano progressive, post punk e free jazz. Avete inteso bene: tensione ... cambi di ritmo ... cambi d'atmosfera ... cambi di colore ... quella roba li. “All Impossible Worlds”, quasi un ossimoro delle “Possible Musics” di Hassell & Eno, offre una scalata a tutti quei mondi (musicali) partoriti dalla fantasia dei giusti e dati come inesistenti dai battinzecca delle monete correnti. C’è poco da aggiungere perché gli Hysm? Duo sono come il confetto Falqui di un famoso carosello: «basta la parola».


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/5/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´