`Tecniche Arcaiche live at Angelica´

Autore disco:

Nicola Guazzaloca

Etichetta:

Amirani Records (I), Aut Records (D)

Link:

www.amiranirecords.com
www.autrecords.com/
www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=1839

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Parte prima 2) Parte seconda

Durata:

41:25

Con:

Nicola Guazzaloca

lezioni di piano

x Rosa Manzo (no ©)

Fra i concerti che m'ero prefissata di vedere ad Angelica del 2014 c’era anche quello di Nicola Guazzaloca. Un fastidioso problema a un ginocchio mi rese difficili i movimenti, costringendomi ad abdicare, e così mi giunge estremamente gradita questa pubblicazione che mi offre la possibilità di ascoltare quello che, all’epoca, m’era sgusciato di mano. Gradimento che non riesce però a nascondere un certo fastidio mano a mano che lo scorrere del disco svela l’enorme entità della mia perdita.
In questa performance c’è tutto Guazzaloca, una specie di Cecil Taylor bianco … o meglio, un pianista che mette insieme l’energia cronica di Cecil Taylor con le soluzioni surreali di John Cage.
Anche questa esibizione, così com’erano le originarie “Tecniche Arcaiche”, si divide in due parti ben distinte, una prima suonata all’interno della cassa armonica e una seconda suonata nella tastiera. In questa occasione le due parti non sono però suddivise in più brani ma scorrono come degli unici lunghi flussi continui.
Energia e sperimentazione, ma anche un profluvio di sensazioni che scaturiscono dai nervi e dai vasi sanguigni, emanazione di cervello e cuore, e soprattutto una sfrenata fantasia che permette a Guazzaloca di sfruttare al massimo, addirittura di moltiplicare, le possibilità offerte da uno strumento complesso qual è il pianoforte.
Volare sopra le nubi, come la medusa della copertina, e disperdere la propria bellezza urticante nelle strade dell’universo, in assoluta libertà. Questa musica può farlo.
Maledetto ginocchio!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/10/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´