`Re-Mit´

Autore disco:

The Fall

Etichetta:

Cherry Red Records (GB)

Link:

www.cherryred.com.uk

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) No Respects (intro) 2) Sir William Wray 3) Kinder Of Spine 4) Noise 5) Hittite Man 6) Pre-MDMA Years 7) No Respects rev. 8) Victrola Time 9) Irish 10) Jetplane 11) Jam Song 12) Loadstones

Durata:

40:11

Con:

Mark E. Smith, Keiron Melling, Dave Spurr, Peter Greenway, Eleni Poulou, Tim Presley

quel rissoso, irascibile, carissimo Comandante Mark

x Salvatore Pischedda (no ©)

I Fall non riescono a rinnovare il loro suono. In realtà non c’è niente da rinnovare. Un suono ‘fall’ non esiste neppure. I Fall non hanno un suono. I Fall sono unicamente le voce di quel farabutto che è Mark E. Smith. Oggi più che mai. Ma si tratta di una voce così particolare che non rischia mai di stancare o di dare adito a paragoni scomodi. I Fall sono i Fall e possono essere paragonati solo a loro stessi. In una ormai quasi quarantennale attività hanno fatto anche qualche disco più insignificante, certo, ma fintanto che intoppano lavori come “Re-Mit” un bel brindisi lo meritano senz’altro. Compatto, trascinante, fresco e ubriaco, ecco come si presenta. 12 canzoni per 40 minuti senza nessun materiale di scarto. Il disco è uscito due anni fa e, nel frattempo, il Comandante Mark ha pubblicato un nuovo lavoro che, almeno a un primo ascolto, sembra stare qualche gradino più in basso. Comunque, come si intitola un DVD di recente uscita, “The Fall: It's Not Repetition, It's Discipline”.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/6/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´