`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´

Autore disco:

Elisabeth Flunger & Stefan Scheib // Susanna Gartmayer

Etichetta:

Chmafu (A) // Chmafu, GOD (A)

Link:

nocords.net
www.eflunger.com
www.stefan-scheib.de
www.youtube.com/watch?v=vKhOWkFqu78
www.youtube.com/watch?v=dlC8yWKZpuI
godrec.com
gartmayer.klingt.org

Email:

Formato:

CD // CD, 10-inch

Anno di Pubblicazione:

2014 // 2015

Titoli:

1) Untitled 2) In Finsteren Zeiten 3) Unter Einem Kahlen Baum 4) My Paradise 5) Auf Nach Texas 6) Black And Yellow 7) Ceres 8) Außergewöhnliche Belastungen 9) Beißen Nicht 10) Abends Im Schwimmbad 11) Then 12) Bröckliger Untergrund 13) Paysage Intime 14) Non c’è di che // 1) AE 2) U 3) O 4) E 5) I 6) UE 7) A

Durata:

56:56 // 27:24

Con:

Elisabeth Flunger, Stefan Scheib // Susanna Gartmayer

connessioni asburgiche

x Mauro ‘Sgoccia’ Parnetti (no ©)

Elisabeth Flunger è nata a Bolzano, ma ha vissuto parte della sua vita in Austria e Lussemburgo, mentre Stefan Scheib è di nazionalità tedesca. La prima percuote qualsiasi tipo di oggetto lo permetta, in tal senso un’occhiata alla home page del suo sito (dalla configurazione interattiva) è caldamente consigliata, il secondo concentra la sua azione su un contrabbasso, seppure non sempre si avvalga di tecniche ortodosse.
Voce del corpo e voce dell’anima.
Il risultato è semplicemente esplosivo, benché il disco non raccolga tutte le potenzialità espresse dalle performance (per le quali ci sono comunque vari filmati su you tube). L’impressione è la stessa dei duetti fra Misha Mengelberg e Han Bennink: da una parte il costruttore (Scheib) e dall’altra il sabotatore (Flunger). Le soluzioni del primo vengono scombinate da un drumming catastrofico, che fa proprie le teorie dell’errore, degli oggetti che sfuggono, scivolano, cadono e mal rispondono alle sollecitazioni. Da una parte una compostezza, magari non proprio accademica, e dall’altra la sfrenata fantasia che sta dietro ai giochi di un bambino, e va detto che quest’ultima riesce in definitiva a coinvolgere e a trascinare anche l’altra parte. Così come l’ascoltatore che, veroddio, resta letteralmente inchiodato alla poltrona.
Aria e fiato, invece, per l’austriaca Susanna Gartmayer, che si racconta attraverso un dischetto di solo clarinetto basso (ma in un brano suona il clarinetto contralto e in altri due fa risuonare lo strumento nella cassa armonica di un pianoforte).
‘Topografia dei polmoni’.
Sono sempre stato affascinato dal timbro greve, ma allo stesso tempo morbido e pastoso, del clarinetto basso, fin da quando giunse per la prima volta alle mie orecchie veicolato da Booker’s Waltz di Eric Dolphy; è quindi evidente che questo lavoro giunge oltremodo gradito, tanto più che non esistono molti dischi che ne offrono il suono in solitudine, allo stato puro, senza nessun tipo d'inquinqmento. Della Gartmayer, che se ben ricordate avevamo incontrato anche nelle fila della Vegetable Orchestra, vanno apprezzate sia la tecnica sia l’approccio fantasioso, che in più d’un momento fanno pensare a John Butcher. Aria, s’è detto, ma anche scorribande delle dita sui tasti, per piccole perle che raccolgono la voce del corpo come quella dell’anima.
In concreto due dischetti che i fan dell’improvvisazione radicale farebbero bene a far propri, ma che consiglierei non di meno anche agli altri lettori.
Lo so che solitamente ascoltate solo grunge, noise, indie rock, pop-tronica, ambient e folk-a-b-bestia ma, benedetto iddio, fatelo una buona volta quest’ulteriore passo. Questa è l'occasione buona.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/7/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´