`Reforged´

Autore disco:

Garaliya

Etichetta:

Morte Records (I)

Link:

www.morterecords.com

Formato:

CD, MC, D

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Lento – Glorification Of The Chosen One 2) Obake – Human Genome Project 3) Inferno – Eel Boots And The Curse Of The Skinny Horses 4) Mombu – Mighty Mombu 5) OvO - Nosferatu 6) MoRkObOt - Ultramorth 7) Ufomammut - Stigma

Durata:

42:28

Con:

Lin MoRkObOt, MZKY

c’era una volta … lo zio remix

x Dino Sauri (no ©)

C’è stato un momento, circa intorno al passaggio di millennio, che il remix era diventato particolarmente di moda, con il risultato di diventarmi odioso … è proprio vero che «il troppo stroppia». Oggi le cose si sono ridimensionate e recensire un disco come questo rappresenta un autentico piacere.
Cercando di categorizzare direi che nel settore esistono due tipi di raccolta: quella nel quale un unico autore viene trattato da più manipolatori, tesa a far apparire la figura del remixato e quella dove un unico manipolatore trucca il lavoro di più musicisti, nel qual caso è proprio il remixatore ad apparire quale figura cardine.
Questo CD appartiene alla seconda specie, la migliore.
La figura dei manipolatori (due musicisti già attivi sia singolarmente sia come Garaliya, nome con il quale hanno pubblicato un disco di inediti solo due o tre mesi prima di questa raccolta), l’entità dei remixati (tutti italiani, se non sbaglio), lo stesso marchio Morte Records, ogni cosa porta in un'unica direzione che il lettore può comprendere anche senza tante parole, basterà citare i termini dark, death e negromanzia.
E negromanzia, in fondo, è la stessa arte dei remixatori.
Proprio in prima battuta c’è la cosa più interessante, un elogio della lentezza che sia intrinsecamente sia estrinsecamente omaggia in pieno il nome degli autori originari. È come, tanto per darvi un’idea, se gli Scorn avessero remixato i Black Sabbath.
Foreste di ritmi più marcate costellano gli altri brani e, per fare nuovamente un paragone, è come se i Test Dept tagliassero la strada ai Painkiller.
I Garaliya, al pari della schifosa creatura che campeggia in copertina (non so proprio di che organismo si tratta), sembrano in grado di fagocitare qualsiasi tipo di materiale, anche il più coriaceo, per poi dissezionarlo e restituirlo in forma di flash ad alto potere energetico.
Soddisfatto il recensore, soddisfatti i musicisti e, con buone probabilità, soddisfatti anche i lettori.
Meglio di così?


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/1/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´