`Multiple´

Autore disco:

Antoine Chessex

Etichetta:

Musica Moderna (D)

Link:

www.musica-moderna.org
www.soundimplant.com/achessex

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Multiple

Durata:

27:34

Con:

Antoine Chessex

1 x 1 −> + ∞

x Luigi Pascarella (no ©)

Mentre l’etichetta di Claudio Rocchetti e Matteo Castro ha già pubblicato ben tre nuove cassette, e anche un poster, noi recensiamo questo CD al quale Rocchetti aveva accennato nell’intervista che gli facemmo circa un anno fa (intervista a Rocchetti).
Chessex è uno sassofonista / musicista svizzero attivo a trecentosessanta gradi, dall’improvvisazione alla composizione passando per le installazioni sonore, in quell’ambito sonoro che possiamo definire come sperimentale. “Multiple”, come si intuisce dal titolo, è una composizione per più sassofoni, o meglio sarebbe dire per un sassofono moltiplicato.
Tre sono gli elementi che hanno importanza: le tecniche strumentali esibite, l’utilizzo di più tracce sovrapposte e la struttura ripetitiva della composizione.
Questi elementi contribuiscono alla creazione di effetti sonori che vanno dal ronzio prodotto dalle api all’interno di un alveare al boato di un aeroplano in volo.
Chessex pare estraneo all’approccio multicolore dei sassofonisti chicagoani (Braxton e Mitchell), come pure al minimalismo di Terry Riley, al riduzionismo di Jack Wright e Bhob Rainey, e alle strutture circolari di Evan Parker, tutti elementi che pur convergendo nella sua musica non lasciano, paradossalmente, evidenti tracce al suo interno. Il microtonalismo di “Multiple”, piuttosto, assomiglia molto alle registrazioni d’ambiente di un Chris Watson.
Un disco che i lettori più curiosi e avventurosi dovrebbero comprare a occhi chiusi (e con esso tutta la produzione targata Musica Moderna).


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/5/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´