`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´

Autore disco:

Autori Vari

Etichetta:

Diplodisc (I)

Link:

www.unfolkam.wordpress.com
www.gtmusic.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Maya Sinuos 2) Trees 3) Ready To Sail 4) The In-Between 5) Storm 6) Floating In Suspension 7) Acid Rain 8) Fishsong 9) Contrazione 10) Jay On A Branch 11) Bad Samantha 12) N° 13 (Persian Waltz) 13) The Voice Of Deep Lakes 14) Sequenza 15) L’ultimo inno del mare 16) After The Rain 17) Peregrinazione Lagunaria

Durata:

79:43

Con:

Bebo Best Baldan / Adam Jansch & Nick Dawe / Daidono / Madriema / Daniel Biro / Visnadi / Alessandro Monti & Gigi Masin / Gigi Masin & Alessandro Monti / KAR / Dulcimerhead / Kevin Hewick / The Quails / Mauro Martello / Sidera Noctis / Massimo Berizzi / Quanah Parker & Vocal Ensemble Monteverdi New Voices / Dale Miller

un CD pieno come un uovo

x Gianbattista Spaghetti (no ©)

La Diplodisc è l’etichetta discografica di Alessandro Monti, legata a lui e ai musicisti prossimi al suo unfolk, e questo disco ne presenta sia l’operato sia gli intendimenti, in linea di massima attraverso brani inediti, allargandosi anche a musicisti italiani e inglesi (tranne lo statunitense Dale Miller e il canadese David Rankine) con i quali nella sua ormai lunga attività si è trovato a contatto. I generi musicali presenti abbracciano un arco che va dal jazz elettrico alla world music, dal finger style al trip-hop, dal songwriting al barocco, dal neo-progressive all’ambient. Quindi, oltre ai nomi propriamente legati all’etichetta quali sono lo stesso Monti, il collettivo Quanah Parker e il trombettista hasselliano Massimo Berizzi, è possibile ritrovare vecchie conoscenze come Gigi Masin e i KAR o scoprire autentiche delizie tipo Daniel Biro, compositore, improvvisatore e artista multimediale, la cui Storm (scritta per la coreografa Jane Turner) si innalza a mia preferita. Comunque la lista dei partecipanti è talmente varia che chiunque potrà trovarci la sua gemma personale. La forza del disco, dovuta a tale varietà, ne rappresenta comunque anche la debolezza. È infatti piuttosto difficile trovare un pubblico di vedute talmente larghe da essere interessato ad ascoltare tutto questo ben di dio senza storcere mai la bocca. Un altro piccolo difetto, ma per alcuni potrebbe anche essere un merito, sta in un'attitudine un po’ attempata. Commovente la dedica agli amici scomparsi: Stephen James, Massimiliano Lupo, Dale Miller, Bert Jansch e John Martyn.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/1/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´