`Doropea´

Autore disco:

Fabrizio Modonese Palumbo

Etichetta:

Old Bicycle Records (CH)

Link:

www.oldbicyclerecords.blogspot.com

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Doropea

Durata:

30:22

Con:

Fabrizio Modonese Palumbo

un musicista e la sua città

x Urbano Urbano (no ©)

«”Dorpea”: a suite in two parts inspired by and dedicated to my hometown Torino» (Fabrizio Modonese Palumbo)
Cos’è che unisce un musicista alla sua città? I suoni e i rumori? La storia? La struttura urbana? Il clima? La gente?
Se la città in questione si chiama Torino gli spunti chiaramente aumentano, si dilatano, esplodono, diventano multipli e multietnici, come i colori e i dialetti che ne attraversano le strade, le piazze e i ponti. Torino è città d’acqua ma non di mare, alpina ma non di montagna, soffre e si nutre di queste contraddizioni.
Com’è che una città influenza un musicista? Attraverso i suoi suoni e rumori? La sua storia? La sua architettura? Il suo clima? I suoi abitanti?
Se il musicista in questione si chiama Fabrizio Modonese Palumbo, uno dei Larsen, appare chiaro come possa assorbire a mo’ di spugna l’humus che lo circonda, i rumori e le architetture, le nebbie e i flash di luce.
Le sue impressioni sono ora raccolte in questa suite in due parti, il primo vero lavoro a suo nome, nella cui economia suona un po’ di tutto: viola elettrica, organo elettrico, diddley bow, synth, chitarra trattata, piano verticale … .
“Doropea” è un landscape noise e minimale, che sembra adagiarsi sulla città a coglierne gli scabrosi rilievi e i fragili flussi, quasi immobile, come una cappa di smog, penetrata comunque dai suoni delle sirene, dagli allarmi e dal battito dei martelli sulle incudini.
Lucido e passionale, “Doropea” alla fin fine non è tanto il ritratto di una città quanto il ritratto di un musicista che da quella città è stato forgiato e ad essa ritorna dopo varie ricerche, portando con se una considerevole varietà di sperimentazioni, e su essa riversa tutte le sue emozioni.
(Non solo) per gli aficionados dei Larsen.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/10/2016
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2016 ...

`Erm´ // `Vignettes´ // `After Dinner´  

`Embeddead´  

`Diplocomp – A Diplodisc Sampler´  

`Matrice´  

`Reforged´  

`Virus´  

`Virale´  

`Fiori dal limbo´  

`Burnout (August Sessions)´  

`Digital Kind Of Guy´  

`Sono andato a letto presto´  

`Madrigali´  

`Governo Laser´  

`DIE´ // `S’Û´  

`Difference Engines´  

`Crudité´  

`Naked Wolf´ // `Buiten Dienst´  

`All Impossible Worlds´  

`La Solitudine del Sole´ // `Fino alla fine della notte´  

`Greetings´  

`La prima volta´  

`Cloudriding´  

`More Nasty´ // `Svimmelhed´ // `Residual Ugly´  

`Il formicaio´ // `Nagual´ // `Hyppopotàmus´  

`Natura Morta´ // `Blind Sun New Century Christology´ // `Dust & Mirrors´  

`Pareti nude´  

`Radici´  

`Germanotta Youth´  

`Multiple´  

`Sotto assedio´ // `Il giorno delle altalene´ // `Endless Tapes EP´  

`Outta Kali Phobia´  

`Adesso´  

`Visible Music For Unheard Visions´  

`A Heart That Responds From Schooling´  

`Ultrasonic Bathing Apparatus´ // `Tape Crash #10´  

`AV.UR.NAV.´  

`Re-Mit´  

`Contra Mundum´  

`Pour en finir´ // `New Vocabulary´  

`Upper Hell´  

`Beyond Repair´  

`Capolavoro´  

`Passage´ // `AOUIE – Bass Clarinet Solo´  

`Tracce D’Africa´  

`In The Other House´ // `Perversions Of The Aging Savant´  

`The Clash Of The Titans´  

`Cacao´  

`URI´  

`Silence Be Alive (生きてこい沈黙)´  

`Silent Carnival´  

`Wander´  

`Dream In A Landscape´  

`Song Cycle´  

`Hotend – Do Tell Plays The Music Of Julius Hemphill´  

`Missa Brevis´  

`Tecniche Arcaiche live at Angelica´  

`Why Not´  

`A Path Made By Walking´  

`Glance And Many Avenues (Live At Apex, Göttingen 2013)´  

`Tapes Amateurs´  

`Doropea´  

`Super 8´  

`Soundcards 01´  

`The Third Season´  

`eXcavations´ // `Red Blue´  

`OU´  

`Olanda in Due (Live At NovaraJazz Italy 2015)´  

`Nox Lux´  

`Alchemy To Our Days´  

`Zwischenbrücken´  

`Al-khīmiyya - الخيمياء´  

`Meeting Points´