`Cut A Caper´

Autore disco:

Ig Henneman Sextet

Etichetta:

Stichting Wig (NL)

Link:

www.stichtingwig.org
www.toondist.nl
www.subdist.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Moot 2) Light Verse 3) Brain And Body 4) Rivulet 5) Narration 6) Toe And Heel 7) Fervid 8) Cut A Caper 9) Precarious Gait 10) A Far Cry

Durata:

58:30

Con:

Ig Henneman, Ab Baars, Axel Dörner, Lori Freedman, Wilbert De Joode, Marilyn Lerner

dischi come questo fanno felice il recensore

x e. g. (no ©)

Improvvisazioni strutturate dalle vivide coloriture psycho per questo ensemble strutturalmente internazionale (Canada, Olanda e Germania) ma concettualmente olandese. L’Ig Henneman Sextet potrebbe essere infatti una costola staccatasi degli ensemble guidati da Maarten van Regteren Altena, sia per l’equilibrio esistente fra a solo, passaggi d’insieme e combinazioni di più piccola entità, e sia per il carattere cameristico, e a tratti minuettistico, delle tessiture elaborate. I momenti in solitudine sono comunque in grado di esaltare l’attitudine dei singoli protagonisti, riescono così ad emergere la veemenza free di Ab Baars come l’autismo sonoro di Axel Dörner, oppure lo stile giocattoloso di una Lerner più attenta alla musica di Satie che alla tradizione della new thing. Gli incastri, i contrappunti, il gioco dei ‘call and response’ brillano sempre per puntualità e fantasia, dando lustro ad una impostazione ormai vecchia di qualche decennio ma dura a morire.
“Cut A Caper” è uno di quei dischi che, seppure non particolarmente originali o innovativi, hanno una loro ragione di esistere e riescono a fare felice il recensore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/1/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´