`Abitacolo Ostile (2006-2011)´

Autore disco:

(etre)

Etichetta:

Privileged To Fail (GB?)

Link:

www.privilegedtofail.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2012

Titoli:

1) L'onde Farouche Du Sommeil, Nous Ne Comprendons Pas... (for Olafur Eliasson) 2) L'avenir se prend-il dans l'origine (for Emanuele Severino) 3) O Fantasma (for Cyril Collard) 4) Picture's Dust As Dramatic Allegory In Ear or Here (for Jon Jost) 5) Goodbye Dragon Hymn (for Albert Ayler) 6) Transformations Of Data Into Concrete Jungle After The Door (for Felix Guattari) 7) Petrified By The Sun In Convalescence And The Long Departed Lover (for Kiyoshi Kurosawa) 8) Improvisation About Farewell & Paranoia (for Pier Paolo Pasolini) 9) The River (for Shuji Terayama) 10) Unquiet Night In The Intermediary Distance (for Todd Solondtz)

Durata:

66:52

Con:

Salvatore Borrelli, Dora Bleu, Alexis, [-hyph-], Zero Centigrade, Sascha Neudeck, The North Sea, Enrico Glerean, Mike Tamburo, Fabio Orsi, K-Conjog, Maurizio Bianchi, Brasil & Gallowbrothers Band, Zavoloka, Valerio Cosi, Donato Epiro, Elio Martusciello, Uton, Gianluca Becuzzi, Xabier Iriondo, Shotahirama [aka ENG (electronoise group) and JANDEATH], O Lamm, Midori Hirano, Moskitoo, _Sec, Kinrisu, Lucky Dragons, Nobuko Hori, My Jazzy Child

the return of the man called (etre)

x e. g. (no ©)

Sono frammenti di suono catturati in un lustro di anni quelli che ci vengono presentati da un sempre attivo Salvatore Borrelli. Frammenti alla costruzione dei quali ha partecipato un’autentica parata di stelle, la crema di quello che nel suo ambito può essere addirittura considerato come ‘le bon ton’. Sono molti i pregi di “Abitacolo Ostile”, in antitesi agli zero difetti, a iniziare dal suo carattere realmente ‘globale’ e dalla sua indole apolide che, partendo da una centralità partenopea, si irradia a tutti i continenti: glitch, jazz, folk, blues e noise non vengono considerati dal Borrelli come un fine ma come un mezzo necessario al raggiungimento del proprio obiettivo. Il pregio maggiore è proprio questo, nell’essere il CD una summa e non una somma di frammenti suonati in tempi diversi e da svariati strumentisti, pregio sicuramente dovuto al lavoro di taglia e cuci messo in opera dal Borrelli. È evidente l’abilità dell’autore nel sovrintendere, tanto che il disco finisce per ricordare attitudinalmente il lavoro dei concretisti francesi, o quello di Burroughs nella letteratura, ancor più di quello svolto da qualsiasi campione dell’elettroacustica contemporanea. “Abitacolo Ostile” è autentico ‘cinema per le orecchie’, un viaggio nel micro come nel macrocosmo della sperimentazione post-iXem, un'indagine che attraversa in superficie e in profondità il Borrelli musicista-ascoltatore, una videata acustica che riassume ben sei anni di vita, avventure e ricerche tanto che, nonostante venga siglata con l'iniziale nom de plume, porta in se il marchio indelebile di altre ‘experience’ quali Wondrous Horse o Harps Of Fuchsia Kalmia.
In definitiva questo è, ad oggi, il suo disco migliore e quello che ne mette a più a fuoco le indubbie capacità.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/11/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´