`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´

Autore disco:

Gianni Mimmo & Daniel Levin // A Windy Season

Etichetta:

Amirani Records (I) // Amirani Records, GRIM, Teriyaki Records, Fondazione Pierluigi e Natalina Remotti, Città di Camogli (I)

Link:

www.amiranirecords.com
www.grim-italia.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2012

Titoli:

1) Turbolent Flow 2) Mini-festo 3) Sculpted 4) Orbit: Unknown 5) Translucent 6) Direct Speech 7) Statement 8) Inner Lied 9) Solenne // 1) Amplitude and Cycle Time 2) Ebb and Flow 3) Line and its Fragility 4) Humpback Song 5) Amphidromic 6) Tidal 7) Rogue Wave 8) Bay Lyric 9) Westerlies Tale

Durata:

49:59 // 62:42

Con:

Gianni Mimmo, Daniel Levin // Angelo Contini, Mirio Cosottini, Gianni Mimmo, Alessio Pisani

Mimmo dixit

x e. g. (no ©)

Gianni Mimmo si è ormai posizionato ai vertici dei circuiti jazz nazionali e internazionali, e ne risultano una serie di collaborazioni con musicisti provenienti da tutta Europa, e anche da oltreoceano, scelte comunque sempre con ingegno e cura meticolosi. Fra i motivi di questo exploit vanno annoverate le sue indubbie qualità di strumentista e improvvisatore, un'attitudine curiosa che lo porta a interagire con musicisti di ambiti, oltreché di aree geografiche, diversi e infine, fattore non meno influente, la gestione dell'elegante marchio discografico Amirani.
Giunge così, quasi a fine 2012, l'incontro con il violoncellista americano Daniel Levin, elemento di spicco del jazz d'oltreoceano acclamato in tutte le riviste, per un'opera di grande respiro e di classe sopraffina. Levin sembra guardare, più che alla tradizione violoncellistica dei Wadud e dei Cora, a quei contrabbassisti bianchi sospesi fra third stream e new thing (Gary Peakock, David Izenzon...), indi ben si predispone al fraseggio nitido ed elegante del sax-sopranista milanese. Quella dei due è una sperimentazione che si risolve senza eccessi di alcun tipo, dove l'attenzione è rivolta più a una ricerca strutturale che a una estremizzazione del linguaggio strumentale. I fraseggi sono comunque consistenti, e finanche serrati, e i due dimostrano di essere spinti, sì, dal desiderio di conoscere i rispettivi limiti, ma anche da affinità che sono più che elettive.
Il quartetto A Windy Season è un ensemble tutto italiano, composto da soli strumenti a fiato, che conferma quanto scritto a proposito del duo Mimmo – Levin. In questo caso i riferimenti vanno chiaramente cercati negli intrecci di storici quartetti di sassofoni quali il Rova o il World, oppure nei gruppi similari guidati da Anthony Braxton e/o Roscoe Mitchell, ma anche nella libertà armonica, pur ricca di spunti melodici, delle vecchie formazioni Atlantic guidate da Ornette Coleman. In realtà l’ensemble messo in onda da Mimmo e compagni è ben diverso da entrambe le situazioni citate, trattandosi di un quartetto con solo strumenti a fiato, sì, ma distinguendosi per la presenza di un solo sassofono, il soprano di Mimmo, qui affiancato da trombone e altri accidenti (Contini), tromba e flicorno (Cosottini) più fagotto e controfagotto (Pisani). Per cui, oltre alla vitalità armonico – melodica, è ben apprezzabile anche una considerevole varietà timbrica.
Inutile aggiungere che i due CD si calano alla perfezione all'interno di un catalogo privo di inutili sbavature.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/10/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´