`The Infinite Travelling´

Autore disco:

Deaf Cities

Etichetta:

autoproduzione (I)

Link:

deafcities.bandcamp.com/

Formato:

CD / Free download

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) The Worst Man In The World 2) Ella 3) Sky Commuter 4) Chimneys 5) The Heathen 6) These Things Matter 7) Road Lights

Durata:

20:28

Con:

Alessandro Luisetto, Paolo Montagna

una scintillante lezione di umiltà

x Matteo Uggeri

Vorrei che la scheda stampa che questi due musicisti mi hanno mandato campeggiasse nella homepage di SandS per mostrare come si deve fare per approcciare uno scrittore di recensioni musicali, sia che si tratti del caporedattore di The Wire o di uno sfigato qualsiasi come il sottoscritto. Nel caso di questi due musicisti, voce e chitarra (ma non manca la batteria in alcuni pezzi) si evita lo sgradevolissimo pompaggio delle aspettative con roboanti dichiarazioni di intenti o sciorinamento di meravigliose esperienze passate. Capita così che queste sette canzoni (ode anche alla ormai rara sintesi) scorrano in tutta la loro semplice e lodevole gradevolezza. Poco importa se mancano elementi di chissà quale originalità, se la voce si rifà forse un po’ troppo a modelli indie mainstream (Billie Joe Armstrong dei Green Day il primo a venirmi in mente): le canzoni ci sono, i testi non sono male e colgono nel segno raccontando storie di ‘pendolarismo del cielo’ (la bella Sky Commuter) e viaggi di lavoro. Un tema – forse perché caro al sottoscritto – forse mai affrontato come concept album, affascinante e qui meravigliosamente declinato per chitarra acustica e voce. Due vecchi amici ritrovati ci raccontano di «facce incrociate nelle stazioni, di libri letti e musica ascoltata durante le attese, un concentrato di nostalgia di casa ed incapacità di restare fermi in un unico posto» [dalla succitata scheda stampa].
Ottima la produzione pulitissima (di Stefano Negro e Matteo Tabacco) e, alla fine, assolutamente decenti anche le modeste grafiche del jewel box, perfetta veste per questo perfettamente riuscito e orgoglioso esempio di umiltà discografica. Peraltro scaricabile in rete gratuitamente su Bandcamp.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/12/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´