`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´

Autore disco:

Ela Orleans // Ela Orleans // Ela Orleans / Dirty Beaches

Etichetta:

La station radar / Atelier Ciseaux (F) // Clan Destine Records (GB) // La station radar / Atelier Ciseaux (F)

Link:

www.lastationradar.com
www.atelierciseaux.com
clandestinerecords.bigcartel.com/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

1) Black And White Flight 2) Mars Is Heaven. Part One 3) Planet Mars 4) Take My Hand 5) Mars Is Heaven. Part Two 6) Into The Woods 7) Falling 8) Wonderful Us // 1) Apparatus 2) Window Smoker 3) Night Ride (Part One) 4) Voices (Part One) 5) Axon Terminal 6) Living World 7) 5-HTTLPR 8) My Friend Angel 9) Falling 10) Walkingman 11) Three Stages Of Sleep 12) Night Ride (Part Two) 13) Voices (Part Two) 14) Safeguard Action 15) synapse Dive 16) Polygraph // 1) Tides And Shadows 2) Neverend 3) Somewhere 4) Vertigo 5) In The Night 6) I Know / 1) God Speed 2) Crosses 3) Death Valley 4) Don’t Let The Devil Find You 5) L Train 6) A Train

Durata:

38’-40’ ca x LP

Con:

Ela Orleans, Phil Franklin, John Martin Widger, Mike Hunchback // Ela Orleans, Rafal Detkos, Mariusz // Ela Orleans, Wende K. Blass / Alex Zhang Hungtai

da acquistare in blocco

x e. g. (no ©)

Ammaliante, come il gusto delle cose antiche… però viste con occhio del XXI secolo. Un giardino botanico filmato con un telefonino cellulare o fotografato con una macchinetta digitale. Lomoriprese artefattate dallo specchio che nasconde le meraviglie di quel giardino. E attraversato lo specchio muoversi circospetti, lasciando cadere a terra bottoni, come Pollicino, per paura di perdersi fra l’oleandro, le rose, il leone e il baobab, mentre un vento dell’est porta con se storie poco quotidiane, insieme a una pioggerellina di marzo che ha sbagliato stagione e batte cristallina nel vetro del lucernario rompendo il silenzio di quel luogo e mescolandosi al canto magico dei merli e degli usignoli. Poi smarrirsi in due occhi, troppo grandi per essere veri, e nuotare in quei mari di cristallo, insieme ad Alice, al Conte Paul, a Jean Pier, a Olivier, al Cappellaio Matto, al cugino Roberto, a Crista che, vista l’occasione, non può mancare. Nuotare e sognare di miraggi futuribili e pianeti sconosciuti, dei gemelli parlanti (Davide e Riccardo) che ci insegnano il ritmo, e di fratello Francesco che ci insegna la quiete. Sì, perché oltre il lucernario si vede la nuda roccia, la terra colonizzata da Frate Silenzio e la foresta incantata che la circonda. Senonché, seguendo questi sentieri disegnati fra rami di corallo, da un anfratto vedi sbucare nonno Elvis che ancheggia e fa l’occhiolino. E doloroso fu il ritorno alla realtà… ch’è bellissimo perdersi in questo incantesimo.
Direte voi: «ma cosa blatera questo cazzone, perché non parla di musica?». Giusta sarebbe l’osservazione, se solo questa fosse musica, ma questa non è musica… è pura magia. D’altra parte il lettore più intransigente può cercare le recensioni che ho stilato per i precedenti dischi di tanto incantevole creatura.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/6/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´