`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´

Autore disco:

Kimmig, Studer & Zimmerlin // Ricci, Sanna & Turner

Etichetta:

Unit Records (CH) // Burp Enterprise (I)

Link:

www.unitrecords.com
www.burpenterprise.com

Formato:

2 CD // CD

Anno di Pubblicazione:

2012

Titoli:

1) Kerl Sah Ur 2) Klerus Har 3) Harre Luks 4) Krauls Reh 5) Hurra Leks! / 1) Zäher Handeln 2) Ahne Erzählnd 3) Re Ahnend Zähl 4) Erzählend Nah 5) Härznadel Neh 6) Fragmente 7) Fernem Tag 8) Härznahe Nadl // 1-3) senza titolo

Durata:

44:05 + 54:19 // 62:54

Con:

Harald Kimmig, Daniel Studer, Alfred Zimmerlin // Edoardo Ricci, Eugenio Sanna, Roger Turner

impro senza frontiere

x e. g. (no ©)

Di solito, quando si accomunano due dischi in una recensione, i musicisti storcono il naso. Sbagliando, perché, soprattutto in rete, chi va a cercare informazioni su uno dei due dischi viene automaticamente a sapere anche dell’altro, con evidente vantaggio per entrambi. Chiaramente i criteri che portano a trattare insieme quei due, o più, dischi non sono sempre intelligibili, avendo origine nella mente del recensore, ma anche il contenuto delle recensioni nel 99% dei casi soffre dello stesso difetto, quindi da parte mia il nullaosta alle recensioni cumulative è da sempre assicurato.
In questo caso, poi, credo ci sia poco da eccepire, avendo i due dischi molti punti di contatto, ad iniziare dal fatto che in entrambi i casi si tratta di improvvisazione radicale proposta da due trii a composizione internazionale (due svizzeri e un tedesco nel primo e due italiani e un inglese nel secondo). Che dire poi delle confezioni, molto minimali, che nel frontespizio presentano in entrambi i casi uno sfondo verde con semplicemente riportati i cognomi dei musicisti e il titolo dei dischi!!!!
Accanto alle similitudini, chiaramente, ci sono comunque anche notevoli differenze.

Il trio formato da Studer, Zimmerlin & Kimming presenta una formula – violino, contrabbasso e violoncello – che proprio in Svizzera aveva avuto qualche anno fa una splendida riuscita con lo String Trio composto da Hans Burgener, Barre Phillips & Martin Schütz. “Erzählend Nah” contiene due CD – il primo registrato in concerto e il secondo in studio – ben rappresentativi di quelli che sono gli interessi dei tre, musicisti di provenienza non jazzistica approdati all'improvvisazione allo scopo di satollare la loro voracità di musica contemporanea. Nei due CD non si nota nessuno scollamento fra le più meditate registrazioni di studio e lo spontaneo fluire dei suoni. Il tutto, vista la glacialità tutta teutonica che permea il disco, ha l'aspetto di una miracolosa fioritura multicolore.

Il trio Sanna / Ricci / Turner ha radici che affondano più decisamente nella tradizione jazzistica, e anche la formazione a base di chitarra, strumenti a fiato e batteria sposta il bilancio in quella direzione. In alcuni momenti, più che una fioritura, viene da pensare a un vero e proprio bombardamento di suoni. Una tempesta che ti investe in faccia come da migliore tradizione della musica improvvisata europea, Brötzmann docet, e/o afroamericana, Shepp e Ayler. In aggiunta ci sono i cluster della chitarra a dare ulteriore movimento a un disco che, comunque, sarebbe già sufficientemente tumultuoso anche senza questo gadget. Coloro che avevano apprezzato il precedente “I segnali della ritirata” del 2005 - e chi non l’aveva apprezzato! - probabilmente sono già alla ricerca di questo nuovo capitolo del trio. Per chi non l’aveva ascoltato è giunto il momento di rimediare.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/10/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´