`Mantic´ // `Polishing The Mirror´

Autore disco:

Mistaking Monks // MAGIMC

Etichetta:

Phonometak Labs (I) // Amirani Records (I)

Link:

www.soundmetak.com/soundmetak/phonometak.htm
www.amiranirecords.com
www.magimcmusic.wordpress.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2012

Titoli:

1) Shape Of Things To Come 2) Landscape And Its Meaning 3) So Close So Far 4) Tale To Be Told 5) Antenna Revelation 6) Lone Cruiser 7) Multiple 8) Oracle Displacement 9) Unframed Mirror 10) Mantic 11) Time And Its Palindrome 12) Glance Dance 13) The Longing Streams // 1) Polishing The Mirror 2) Lucidare la lente 3) Lucidare la retina 4) Hinges 5) Ritorno

Durata:

43:50 // 41:07

Con:

Cristiano Calcagnile, Xabier Iriondo, Gianni Mimmo // Edoardo Marraffa, Thollem McDonas, Stefano Giust

tutta la bontà di un nu-jazz

x e. g. (no ©)

«…vorrei dire che esiste un’altra faccia del jazz che non è quella che ci viene presentata quotidianamente nei festival e nei seminari, anche perché credo che il jazz non stia in uno stile o in un linguaggio ma nella perpetuazione della rivoluzione che per esempio dai primi passi di New Orleans ha portato allo swing, da questo al be bop e così via…» (Mirko Sabatini).
Se quanto affermava Sabatini una decina d’anni fa è vero, e ne sono fermamente convinto, ecco due CD che rispondono in pieno a quei principi.
Da una parte il riferimento sempre vivo alla verve più innovativa che ha attraversato il jazz nell’ultimo mezzo secolo e oltre: dal richiamo a Ornette Coleman nel primo titolo di “Mantic” a quelli a Steve Lacy nel sassofonismo di Mimmo; dal mood afro di Calcagnile, che ricorda Blackwell e Don Moye, a quello di Giust, che pare più prossimo a batteristi europei come Oxley, Lytton e Lovens; da un McDonas che fa pensare al Taylor più roccioso a un Marraffa che sembra voler ripercorrere quel filo di virulenza malata che da Shepp e Ayler porta a Mitchell (Roscoe), Brötzmann e Parker (Evan); per finire con un Iriondo che racchiude in se tutti quei tentativi di commistione fra jazz e rock sperimentale.
Dall'altra, a fare da contrappeso, un'attitidine e un'estetica contemporanee che sfuggono le anguste stanze del già detto e le spicciole logiche del facile ascolto.
I due CD possiedono numerose connessioni, a iniziare dal fatto che Mimmo suona nel primo e realizza il secondo nella sua Amirani Records. Anche la formula strumentale è simile: un trio con sassofono(i) e percussioni, con il pianoforte di McDonas da una parte e gli strani strumenti di Iriondo dall’altra (il mahai metak di sua creazione, un koto provvisto di tastiera e accorgimenti elettronici in tempo reale).
Si tratta quindi di due lavori che invitano al confronto, e accanto alle interdipendenze si notano comunque peculiarità specifiche e notevoli differenze, anche piuttosto marcate. Le differenze sembrano derivare soprattutto dalla diversa estrazione, sia d’ambiente sia generazionale, dei musicisti coinvolti.
“Polishing The Mirror” è fondamentalmente un disco austero, dove gli insiemi si alternano a improvvisazioni di tipo puntillistico, e dove Giust tende quasi sempre a smarcarsi da un’interpretazione propriamente, e puramente, ritmica. L’ensemble riesce inaspettatamente a funzionare a dispetto di qualche sospetto, indubbiamente lecito, dacché con un pianista aggressivo e bestiale come McDonas a regola dovrebbe scapparci il morto, laddove alla resa dei conti i due pard reagiscono in modo più che dignitoso e tengono il passo dello scatenato americano senza sprecare nessuna battuta. Colpo su colpo.
“Mantic” appare molto più stonato, vista la presenza destabilizzante di Iriondo e la grande verve scenica di Calcagnile. Nell’occasione sembrava essere Mimmo l’elemento in pericolo, ma la sua capacità di adattamento e di inserimento all’interno di un sindacato così ferreo ha dello straordinario.
I due dischi hanno caratteristiche adattabili a qualsiasi tipo di pubblico, ma il primo potrebbe essere meglio accetto da un appassionato di jazz, chiaramente privo di paraocchi, mentre il secondo può tranquillamente deliziare le orecchie anche di coloro che seguono il rock più sperimentale. Entrambi, poi, sono consigliati ai seguaci delle nuove forme d’improvvisazione elettroacustica e/o non idiomatica.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/9/2013
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2013 ...

`Chimera´  

`Khawa’ter (Pensées)´  

`Antimacchina´  

`Death Surf´  

`Pulses & Places´ // `The Myth Of Persistence Of Vision Revisited´  

`Minimal Boom!´  

`Cut A Caper´  

`Reibungen´ // `Shifting Moods´  

`No Room For Doubt´  

`Resonating Universes´  

`Contraddizioni´ // `The Shipwreck Bag Show´  

`Mexico´  

`Toot!´  

`Vier!´  

`Modern Primitive´  

`A Cool Tree´  

`On The Move´  

`Above The Winter Oaks´ // `Fonogram´  

`Sulle tracce della volpe´  

`Istanbul Improv Sessions May 4th´  

`El Tren Fantasma´  

`Ventennale´  

`La mer, la bataille, la mort´  

`Alberto Boccardi´  

`Merde, il pleut´  

`The Occurrence´  

`Wege´  

`The Kenya Sessions´  

`Outpost Live´  

`Ancient Tears´ // `L’uomo della sabbia´  

`Piano Breath (Action Music)´  

`Mars Is Heaven´ // `NEO PI-R´ // `Double Feature´  

`Ninnananne tristi per bambini cattivi´  

`Brand New For China!´  

`Dark Lady Of The Sonnets´  

`Season Two´  

`Radical Bending´  

`An Elephant into this Building´  

`Disco interno´  

`Daily Visions´  

`Sycamore Age´  

`The Next Wave of Omnigalactic Peace Warriors´  

`CHTRLTT - Part I´  

`This Is All I Had Time For´ // `Fonogram´ // `Camaraderie´  

`Ciao amore, ciao´ // `Le sirene di luglio / Torino pausa pranzo´  

`Cerimony´  

`Split´  

`Irrintzi´  

`Era´ // `?Alos - Xabier Iriondo´  

`Gemina´ // `Atto´  

`Mantic´ // `Polishing The Mirror´  

`Fields of Corn – A Binaural Sound Movie in San Martino Spino´  

`Garbo And Other Godesses Of Cinema + Bonus CD: Tango & Impro´  

`Live @ The Theatre, Rozzano, 13 dicembre 2012´  

`Deform from Within´  

`Sales´  

`Login´  

`Cinque Pezzi Facili - Volume 4: Dell'amore e dei suoi fallimenti / Deleted scenes´  

`Turbulent Flow´ // `Tidal TM (Amphidromic Cotidal)´  

`Live @ The Ironworks Vancouver´  

`Erzählend Nah´ // `Live In Pisa´  

`Arbëria´ // `La merce perfetta´ // `Aural Histories´  

`Silo Thinking´ // `X´  

`Der Italienische Manierismus´  

`Umber´ // `Selce´  

`Risonanze orbitali – opere e domande´  

`Fame´  

`Dialogue Dreams´  

`Abitacolo Ostile (2006-2011)´  

`Redistance´  

`Nothing Outstanding´ // `Blue Willa´ // `You Should Reproduce´  

`2013: odissea nello spiazzo´  

`Dolci ricordi´  

`String Quartets´ // `Stanze´  

`Civilian Life´  

`The Infinite Travelling´  

`At The Hideout´