`Malo´ // `Sacrée Obsession´

Autore disco:

Frank Rosaly // Will Guthrie

Etichetta:

Utech Records (USA) // iDEAL Recordings (S)

Link:

www.utechrecords.com
www.frankrosaly.com
www.youtube.com/watch?v=CDNaNqz_Gs0
www.idealrecordings.com
will-guthrie.com/
www.youtube.com/watch?v=xTEEuWlDOyU

Formato:

CD // LP

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Basura 2) Malo 3) ¡AK! 4) Te cuidas mucho, Miguel 5) 10 Hz // 1) Timelapse 2) Pacemaker

Durata:

42:15 // 39:42

Con:

Frank Rosaly // Will Guthrie

the drum is everything

x Dogon Adi (no ©)

Il suono dei tamburi è andato ad aumentare d'importanza e a liberarsi dal suo ruolo di accompagnamento ritmico e, di conseguenza, molti batteristi e/o percussionisti si sono ritagliati uno spazio che è andato ampliandosi con lo scorrere del tempo, con il cambiamento dei gusti da parte del pubblico e con l'acquisizione di nuove tecniche, idee e strumentazioni.
Personalmente mi sono avvicinato alla musica per soli strumenti a percussione attraverso gli a solo di Ginger Baker e Don Brewer (nei dischi dal vivo di Cream e Grand Funk Railroad) per poi iniziare ad approfondire la conoscenza attraverso le musiche africane per soli tamburi e/o attraverso i dischi per sole percussioni di musicisti della new thing come Milford Graves e Andrew Cyrille.
L'affermazione dei tamburi si è comunque consolidata seguendo più d'una strada. Sicuramente una delle più importanti è l'affrancamento dei batteristi jazz, in special modo di quelli legati alla new thing, dal ruolo di accompagnamento ritmico. A fianco a ciò, e solo in parte come cosequenza di ciò, c'è stata l'affermazione delle musiche di derivazione afro nel gusto comune, affermazione avvenuta a scapito delle musiche di derivazione classico-occidentale e/o dell'opera lirica (pensate al successo ottenuto da musiche come il rock, il reggae, l'hip-hop o, ancor più, la drum 'n' bass che porta nel suo stesso nome il marchio di caino). Non ultimo, direi, c'è il fatto che numerosi compositori contemporanei, in particolare gi americani ma non solo, si sono interessati in maniera sempre più consistente a questo tipo di strumenti e alle tradizioni musicali extra-europee. Di conseguenza si è iniziato ad utilizzare in modo sempre più percussivo anche vari strumenti appartenenti alla tradizione classico-romantica.
L'autentico botto è avvenuto però con l'esplosione elettronica, non tanto come metodo per produrre suoni digitali quanto come sistema per trattare e/organizzare i suoni acustici e i suoni elettrici.
In tempi recenti il lavoro in solitudine di apprezzati batteristi ha prodotto opere di altissimo livello quali "Natura Morta" di Andrea Belfi, del quale ci siamo già occupati, o questi "Malo" e "Sacrée Obsession" che mi accingo a recensire.
Frank Rosaly, di Chicago, seppur bianco sembra raccogliere il testimone di quella tradizione nera attenta al ritmo e alle poliritmie. ¡AK!, 10Hz e Te Cuidas Mucho, Miguel sembrano infatti raccontare di quelle stesse selve già descritte da un Milford Graves, restando sempre in perfetto equilibrio fra suoni lignei e metallici. Altrettanto rigoglioso, ma meno colorito e attraversato da suoni più distorti, appare invece il brano introduttivo. È però Malo a deviare in direzione di un davisiano Tony Williams, con un tamburellare basso, sordo e inquietante che poi, nella seconda parte, finisce per saturare in una scia di feedback e risonanze.
È proprio da questo punto che sembra invece muoversi l'australiano Will Guthrie, attraverso due lunghi brani nei quali le atmosfere meditative alla Radigue vengono preferite all'esplorazione dei ritmi. Timelapse, nel lato A, è composta essenzialmente di suoni brevi, tintinii metallici e/o suoni grevi (Guthrie utiizza anche una grancassa da orchestra), utilizzati in modo molto rarefatto. Le risonanze vanno comunque ad aqcuistare importanza con lo scorrere del tempo per arrivare a sovrapporsi e a prevalere nella parte finale del brano. Pacemaker, sul lato B, segue un movimento inverso e all'iniziale nebbia di risonanze va a sovrapporsi, fino a prendere il sopravvento, il martellamento sui tamburi; ma il ritmo è dato anche qui da un gioco di tensione che continuamente sale e si allenta. Dovendo dare un riferimento storico anche per Guthrie, farei il nome di Sunny Murray.
Due dischi, un dovere!


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/1/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´