`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´

Autore disco:

Thea Farhadian // Biliana Voutchkova

Etichetta:

Creative Sources Recordings (PT) // Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.creativesourcesrec.com
theafarhadian.com
evilrabbitrecords.eu
www.bilianavoutchkova.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Thin Silver Line 2) Light Edge 3) Time Shift 4) Splinter 5) Particle Party 6) Ice Wave 7) Transfer 8) Decay 9) Quantum Shift 10) Vertical 11) Integer Study 12) Silverplate // 1) Enter 2) Modus Of Raw 3) Songs Of Anxiety 4) Memory Imprints 5) Chaos & Beauty 6) Gratitudes & Sorrows 7) Poschiavo Medley

Durata:

37:29 // 54:11

Con:

Thea Farhadian // Biliana Voutchkova

l’universo dell’espressività femminile

x carolina argento (no ©)

Chissà se le due tizie si conoscono già?
Probabilmente sì, entrambe suonano a Berlino in questi giorni (la prima l’8 e il 10 e la seconda il 6 di Novembre), e devo dire che mi piacerebbe vederle duettare, dal momento che si tratta delle proposte più interessanti ascoltabili al momento in fatto di violino e neue musik.
La prima è californiana, ma frequenta piuttosto assiduamente la scena berlinese, mentre la seconda è bulgara ed è piuttosto facile vederla esibirsi nei palchi del Centro-Nord-Europa.
Della Farhadian me ne sono già occupata (vedi recensione) e torno a scriverne con piacere a proposito di questo disco in solitudine contenente 12 brani per violino ed elettronica interattiva, selezionati da un ciclo ben più ampio che comprende sia materiale composto sia materiale improvvisato. Le registrazioni, parte effettuate in studio e parte in pubblico, provengono da 5 situazioni diverse, e almeno una di esse è stata incisa in concerto e rielaborata in studio. Il software utilizzato è un Max/MSP e, seppure il concetto di rielaborazione elettronica in tempo reale non sia nuovo, la creatività e la fantasia della Farhadian sono sufficienti nel realizzare una paesaggistica sonora in grado di affascinare, stimolare e coinvolgere l’ascoltatore. Le registrazioni sono state effettuate in parte a Berlino e in parte nell’area di San Francisco.
È invece la prima volta che scrivo qualcosa a proposito di Biliana Voutchkova. I 7 brani di “Modus Of Raw” provengono tutti da uno stesso concerto tenuto in Svizzera nel Luglio del 2015. Il rapporto fra la durata totale e il numero dei brani lascia intendere come questo disco contenga anche improvvisazioni lunghe e articolate, laddove quello della Farhadian è composto essenzialmente da brevi miniature. La differenza maggiore sta comunque nell’interazione che, quando sussiste, nel caso della violinista bulgara non avviene fra lo strumento e un software ma fra lo strumento e la voce della strumentista stessa. In pratica “Modus Of Raw” ha una minore ricchezza sonora, mancando quello che può essere considerato come l’eco o lo specchio elettronico, ma questa assenza viene compensata ampiamente dal profluvio delle tecniche esecutive. Anche nel caso della Voutchkova i motivi d’interesse seguono l’onda di una creatività sfrenata.
La luna piena dell’espressività femminile, della quale scriveva Bolelli in “Musica Creativa”, s’è ormai trasformata in universo.
Se queste due suffragette incroceranno mai le corde dei loro violini, ammesso e concesso che non l’abbiano già fatto, spero proprio di poter vivere quel momento.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/6/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´