`Beyond Time´

Autore disco:

Maurizio Abate & Matteo Uggeri

Etichetta:

Time Released Sound (USA)

Link:

www.timereleasedsound.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Part I (Time) 2) Part II (East) 3) Part III (Slow) 4) Part IV (Ship) 5) Part V (Grandma) 6) Part VI (Mud) 7) Part VII (Breath) 8) Part VIII (West) 9) Part IX (Beyond Time)

Durata:

45:03

Con:

Maurizio Abate, Matteo Uggeri, Andrea Serrapiglio, Franz Krostopovic, Stefano De Ponti

oltre il tempo

x mario biserni (no ©)

Da una parte gli strumenti a corda di Maurizio Abate (considero tale anche una ghironda) e dall’altra il computer, l’elettronica e gli oggetti (considero tale anche una tromba) di Matteo Uggeri, in una di quelle giustapposizioni completamente riuscite. Ai suoni arpeggiati o lunghi (quelli trattati con e-bow e quelli della ghironda) rispondono i patchwork di natura concreta. In pratica salt-n-pepa delle nuove musiche. A disturbare l’idillio solo qualche piacevole incursione (Serrapiglio al violoncello in V e VI, Krostopovic alla viola in VIII e De Ponti che aggiunge suoni registrati in II, III e IV). “Beyond Tine è un disco pastorale e autunnale, novembrino direi, quando il sognare giocoso della natura viene compromesso dalle prime brume e dalla tristezza dell’inverno imminente. La compenetrazione fra i brani, che scorrono senza soluzione di continuità, crea l’effetto coinvolgente dell'unica suite. Potrei azzardare il termine neo-classicismo, seppur rivisto in un’ottica, e con tecniche e suoni, che ci ancorano inequivocabilmente al XXI° secolo. Da citare Grandma, dove il racconto dell’anziana signora fa in qualche modo pensare a quel capolavoro da riscoprire che è “Dove dormono gli autobus” di Paolo Angeli.
Per Abate questa è semplicemente la nuova tappa di un percorso luminoso mentre per Uggeri è un ottima premessa/promessa per il dopo Sparkle In Grey.
Per noi è semplicemente una goduria.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/11/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´