`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´

Autore disco:

Claudio Rocchetti // RLW

Etichetta:

Tannen Records (I) // Musica Moderna (I)

Link:

www.tannenrecords.com/
www.musica-moderna.org

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Our Dying Silent Minds 2) Terra Australis Incognita 3) A Beautiful Indifference 4) The Room 5) Early Snow 6) The Letter 7) Leaving The Shore 8) Arctic Shipwreck 9) Dark Diplomats 10) The Sea Of Ice // 1) First Funeral 2) Second Funeral 3) Third Funeral 4) Re=&Preview 5) Fourth Funeral 6) Nothingness 7) Fifth Funeral

Durata:

37:00 ca // 38:00 ca

Con:

Claudio Rocchetti, Margareth Kammerer, Stefano Pilia, Maurizio Abate // Ralf Wehowsky, Bhob Rainey

scusate il ritardo …

x lola migaghe (no ©)

… non è che volevamo dare più spazio al top precedente, per quanto bello, ma più prosaicamente è che alcuni impegni inderogabili ci hanno tenuti a maggior distanza del solito da impianti stereo, computer e programmi di scrittura.
Cercherò inoltre di dilungarmi poco dacché i nomi trattati in questa rece dovrebbero essere ben noti ai nostri lettori ed è probabile che buona parte di questi ultimi abbiano già da tempo avuto occasione di assaporare questi due dischi.
“Memoria Istruttiva” e “Funeral Parties” hanno un tratto in comune: entrambi sono dedicati a grandi motivi della memoria. Il primo a Caspar David Friedrich, Alexander von Humboldt e a tutti gli esploratori dell’era Romantica. Il secondo a Anton Webern, Georg Friedrich Händel, Franz Schubert, Henry Purcell, Jan Sibelius e alla grande tradizione della musica funebre.
In “Memoria Istruttiva” Rocchetti sembra prediligere l’aspetto compositivo rispetto a quello performativo/distruttivo. Un ruolo di primo piano viene così riservato al piccolo enclave dei collaboratori, all’interno del quale un particolare rilievo è assunto dal contrabbasso di Stefano Pilia. Il disco scorre/corre in equilibrio fra un’attitudine visionaria e un’anima passionale, e si dispone in posizione altolocata all’interno di un palmares ricco di realizzazioni più che valide.
Rocchetti, quasi in contemporanea con il suo LP, ha arricchito di un numero anche il catagolo dell’etichetta che gestisce insieme a Matteo Castro e nell’occasione, è inutile nasconderlo, i due hanno piazzato il cosiddetto colpo gobbo. Il disco è infatti firmato da Ralf Wehowsky, il che in ambito elettroacustico equivale a dire Ornette Coleman in ambito jazz moderno o Paul McCartney in ambito pop. Se i due dischi sono coevi, anagraficamente, posseggono anche un tratto distintivo molto simile, avendo anche “Funeral Parties” trovato ispirazione in una tradizione storica dai caratteri visionari e romantici, seppure spesso segnati da una vena mistico-gotica e oscura. I suoni rielaborati da RLW derivano essenzialmente dal sassofono di Bhob Rainey e, in principio, l’idea era quella di un disco dedicato alle marce funebri suonate dalle bande pre-jazz di New Orleans. In corso di realizzazione "Funeral Parties" ha preso tutta un’altra deriva andando a calarsi in una tradizione antica di secoli. Per citare i compositori che, stando alle annotazioni di copertina, hanno ispirato il disco si va dalla “Music for the Funeral of Queen Mary” (1695) di Henry Purcell alle marce funebri (1909) di Jan Sibelius e Anton Webern. Il disco di RLW, oltre a rappresentare un ottimo ascolto, ha quindi anche il merito di spingere la curiosità verso la (ri)scoperta di opere fondamentali che hanno fatto la storia della musica.
Per chiudere, e per riagganciarmi al “Memoria Istruttiva” di Claudio Rocchetti, posso solo aggiungere un buon viaggio.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/7/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´