`Pow´

Autore disco:

Gamra

Etichetta:

Setola Di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net
www.gamraquartet.wordpress.com
www.paed.ch/index.html
www.eugeniosanna.it
www.patriziaoliva.wordpress.com
www.stefanogiust.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2015

Titoli:

1) Let Me Know Your Thought (Forget My Truth) 2) Let Me Know Your Thought (Don’t Be Silence)

Durata:

45:40

Con:

Paed Conca, Eugenio Sanna, Patrizia Oliva, Stefano Giust

verrà un giorno …

x vecchio cric (no ©)

Stefano Giust meriterebbe molto più di questa semplice recensione. Meriterebbe una ‘zine’ che si occupa esclusivamente di lui, sia come musicista sia come discografico (l’attività svolta in 23 anni di attività con la Setola di maiale è semplicemente indescrivibile). Tenendo conto dei musicisti che ha promosso, e di quelli con i quali ha suonato, le ‘zine’ che si occupano esclusivamente di lui dovrebbero essere non una ma addirittura sette, come le vite dei gatti.
Nell’occasione, lo vedete da voi, lo affiancano due colonne del diy italiano, oltre al brillante clarinettista svizzero-libanese Paed Conca. Il disco è stato registrato nel Settembre del 2014, durante un festival jazz austriaco, e fa seguito a un primo CD registrato nel 2011 a Pisa, nello splendido scenario dell’abbazia di San Zeno, durante il primo tour del neonato quartetto. I tre anni trascorsi hanno sicuramente affinato l’affiatamento fra i quattro e le due lunghe improvvisazioni (26 e 20 minuti ca.) scivolano via lisce come palle da biliardo (naturalmente ben giocate). Si tratta di musica improvvisata ai massimi livelli dove voce e strumenti, acustico ed elettrico, uomo e ambiente si amalgamano alla perfezione, trovano i loro spazi senza rubarseli o prevaricarsi l’un l’altro, in quella che, in fondo, altro non è che una lezione di civiltà. È l’anarchia che trova un suo ordine (chi l’ha mai detto che anarchia e ordine non possono coesistere?).
Per il resto c’è solo l’inadeguatezza a dire di più e solo l’acquisto, con conseguente ascolto, possono rendere giustizia piena a “Pow” e ai loro autori.
Se però non siete mai entrati nel catalogo setolare fatelo con attenzione perché c’è da restare abbagliati!
Come disse padre Cristoforo: «verrà un giorno …».


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´