`Un incubo stupendo´

Autore disco:

Management del dolore post-operatorio

Etichetta:

La Tempesta Dischi (I)

Link:

www.latempesta.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Naufragando 2) Un Incubo Stupendo 3) Il Vento 4) Il Tempo Delle Cose Inutili 5) Il Mio Corpo 6) Una Canzone D’Odio 7) Esagerare Sempre 8) Visto Che te Ne Vai 9) Marco Il Pazzo 10) Ci Vuole Stile

Durata:

36:22

Con:

Luca Romagnoli, Marco ‘Diniz’ Di Nardo, Lorenzo Castagna, Antonio Atella, Valerio Pompei

agli sgoccioli del pop-rock made in italy

x primo sant’oro (no ©)

I MaDe DoPo sono un animale morente che tocca i dieci anni di vita, e il quinto disco, con la formazione decimata e ridotta ai soli Luca Romagnoli (voce) e Marco Di Nardo (chitarra). Poco male, sembrerebbe, perché i due hanno trovato un terzetto di validi accompagnatori nei componenti della band IMURI (che oltre a suonare nel disco accompagnano i due anche in concerto).
“Un incubo stupendo” è costituito da un pop-rock ben congegnato, con influenze nel cantautorato meno allineato, cantato in italiano e caratterizzato dal suono delle chitarre ora cristallino e ora più ferruginoso (ma mai oltre i limiti della degenza). La voce ben si destreggia in questa giunglettina che il gruppo, memore dei guai procurati da qualche esibizione provocatoria, cerca di non ridurre mai alla condizione di ambiente promiscuo. I testi, spesso incisivi e qualche volta più inoffensivi, non trasmettono quasi mai motivi di lagnanza. Ho l’impressione che, nell’insieme, si tratti di un modello al tramonto. Spero che i fan sappiano godersi gli ultimi sprazzi di luce irradiati dalla carcassa.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/12/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´