`A Beat Of A Sad Heart´

Autore disco:

Jester At Work

Etichetta:

M.i.l.k. (I)

Link:

www.jesteratwork.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Behind The Wall 2) Me And Gracie 3) People Lie 4) Bold 5) Lighthouse Man 6) Sad Heart

Durata:

20:19

Con:

Antonio Vitale, Alessio D’Onofrio, Matteo ‘Molecola’ Di Marcoberardino, Mauro Del Papa, Andrea De Leonardis, Gracie

Pescara … nelle foreste dell’Oregon

x cosima buongiorno (no ©)

Per prima cosa gettate un occhio alla bella confezione. L’autore, barba massiccia e chitarra in mano, suona la sua serenata seduto su un masso che, a ben vedere, non è un masso ma una specie di mostruosità rosa ...
Intorno a lui foreste, prati e montagne, sullo sfondo il mare con relativo faro e, a completare il ‘quadro’, una lepre, uno scheletro che corre (il cane Gracie?), un occhio con le ali (Dio?) e, ai margini del bosco, un’inquietante donzella.
Si tratta di un’immagine che può evocare il mondo fantastico di “Alice nel paese delle meraviglie” cosiccome un paesaggio nel nord della west coast americana (magari dell’Oregon).
Il folk singer boschivo che si cela dietro tutto ciò, e dietro la sigla Jester At Work, è in realtà il pescarese Antonio Vitale (in passato nei Warm Morning 616). “A Beat Of A Sad Heart”, un mini CD la cui durata si aggira intorno ai 20 minuti, è un disco piuttosto vario che può interessare a un pubblico ben più ampio di quello accalappiabile dalla splendida copertina (il disegno è opera di Andrea Ciccotelli).
In realtà i brani d’apertura e chiusura (Behind The Wall e Sad Heart) sono ballate acustiche cantate con voce profonda che rispecchiano pienamente l’idea bucolica del cantautore waldeniano.
Lighthouse Man è invece una filastrocca più stonata che potrebbe appartenere ai repertori di Beck, Syd Barrett o Alexander ‘Skip’ Spence.
In Bold sembra poi di entrare in uno scenario blues-psichedelico di fine anni Sessanta.
Me And Gracie è praticamente uno strumentale, onirico e finemente orchestrato (il mellotron è di Alessio D’Onofrio).
People Lie è infine il brano più stupefacente: sempre devotamente lisergico, seppure in questo caso le atmosfere siano elettriche e urbane, mentre la voce si produce in un recitato dai caratteri notturni (le atmosfere in questo caso sono più psycho che psiche).
“A Beat Of A Sad Heart”, come già vi ho già detto, è un dischetto apprezzabile da svariati palati.
Approfittatene.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/4/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´