`The White Side, The Black Side´

Autore disco:

Project-to

Etichetta:

Machiavelli Records (I)

Link:

www.project-to.com/
www.machiavellimusic.com
vimeo.com/171486377

Email:

Formato:

2CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) I Hope 2) Sign Of The Earth 3) Look Further 4) Rebirth 5) Ya-Ho> 6) Roger / 1) Black I Hope 2) Black Sign Of The Earth 3) Black Look Further 4) Black Rebirth 5) Black Ya-Ho> 6) Black Roger

Durata:

31:02 / 31:02

Con:

Riccardo Mazza, Laura Pol, Carlo Bagini

gran bel disco

x ciro fili (no ©)

Premetto che Project-to è un collettivo elettronico impegnato in musica e visual, per cui questa doppia realizzazione ne definisce solo in parte le potenzialità, nonostante una serie significativa di immagini riportate all’interno, che appaiono comunque enormi (parte del lavoro nella sua completezza è comunque visibile all’indirizzo vimeo riportato sopra o su varie pagine you tube raggiungibili attraverso il sito del collettivo).
Riguardo alle precedenti esperienze e ai ruoli dei tre protagonisti lascio al lettore l’impegno di una ricerca nella rete, per concentrare invece l’attenzione sul doppio CD.
Bianco e nero: stessi brani, e stessa anche la durata, soggetti a una doppia interpretazione in grado di dirigerne l’estetica in direzione della luce o in direzione dell’oscurità.
La White Side si distingue per l’impostazione big beat e per la fioritura dei frammenti sovrastrutturali (che passano dalle voci di Indira Gandhi e Hillary Clinton, al salmodiare di monaci tibetani, al coro gregoriano …). La Black Side ha un’impostazione più dritta, techno ambient, e la fioritura sovrastrutturale appare completamente, o quasi, appassita. Stando all’ottima rassegna stampa diramata insieme al doppio CD anche l’aspetto visual cambia notevolmente fra le versioni white e quelle black: le brevi parentesi surreali che accompagnano le prime si sformano in senso astratto nel corso delle seconde.
Chiaramente “The White Side, The Black Side” non contiene musiche né particolarmente originali né innovative, e personalmente non chiedo neppure tanto alla grazia del buon dio. Anche a livello di interazione digitale suoni – immagini durante la stagione bolognese di Netmage ne abbiamo viste di tutte le fatte e i colori. Il doppio CD è comunque molto bello e l’idea di presentare i sei brani sia in positivo sia in negativo mi pare, quella sì, singolare e coinvolgente. Per cui la promozione è assicurata a pieni voti.
Adesso la parola passa ai lettori.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/11/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´