`D’ora stella´

Autore disco:

D’ora stella

Etichetta:

Old Bicycle Records (CH)

Link:

www.oldbicycle.altervista.org
www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=961
www.sands-zine.com/archivioart.php?id=2851

Email:

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Déjà vu cette mer 2) Fino a notte fonda 3) Corridore controvento 4) Amore mio, perché mi guardi male 5) Oggi cambio casa 6) Specchiarsi, tra fronde orfane 7) Empathy (a beat of…) 8) Un horror che non va in TV 9) Hai la mia ghisa 10) Nota Nata Rotta 11) Dal piccolo ED.L. alle 4.00 senza thè 12) Dalia, un jingle d’addio 13) In tre ci si sta

Durata:

27:00 ca

Con:

Aldo Becca, Marino Josè Malagnino, Michy, Debora, Giovanni Lami, Jenny Burnazzi, Anisetta (e micia)

un grande testamento spirituale

x gaspare parlante (no ©)

Vi ricordate di Aldo Becca, cantautore dalla poetica nuda e cruda? Vi ricordate della Palustre Records, uno dei primi marchi a rilanciare le produzioni in cassetta? Vi ricordate dell’intervista e della recensione dedicate da Matteo Uggeri all’etichetta romagnola e allo splendido trittico “Radis” / “22:22” / “Diario Acustico”?
La Palustre ha chiuso i battenti già da qualche tempo, e questo è un fatto.
La Old Bicycle Records di Vasco Viviani sta per chiuderli, e questo è un altro fatto.
Vuole il caso che una delle ultime cassette pubblicate dalla OBR sia firmata proprio da Aldo Becca, è prprio lui a nascondersi dietro l’alias D’ora stella, e con ciò viene a chiudersi una specie di cerchio ideale.
In un mondo che corre superveloce, dove ogni spuntar di sole sembra cancellare le certezze del giorno precedente, poco sembra essere cambiato nei ‘canti’ di questo poeta ravennate, almeno rispetto a quel mondo che Uggeri raccontava iniziando così «Cantautorato in stretto dialetto romagnolo e noise estremo; struggenti note acusitiche alla Nick Drake e droni da venti minuti; psichedelia folk ed estremismi free-impro».
Sono ‘canti’ di una delicatezza estrema quelli che qui appaiono, canti raccolti fra il 2011 e il 2015, autentiche ‘stanze di vita quotidiana’ che solo la sensibilità di un discografico come Vasco Viviani poteva far giungere a noi evitando quegli inquinamenti associati a quasi tutti gli iter produttivi. È una poetica pura, quella che qui ci viene trasmessa, tanto che utilizzando una frase purtroppo un po’ logora possiamo affermare, senza pericolo di essere smentiti, «dal produttore al consumatore».
È per questi motivi che “D’ora stella”, pur non essendo l’ultimissima produzione del piccolo marchio svizzero, rappresenta per sands-zine una specie di testamento spirituale: perché è tutto quello che vorremmo essere (anche se non sempre riusciamo a esserlo).
Allo stesso modo in cui oggi, nel momento in cui la Old Bicycle Records si avvia al tramonto, riappare il fragile e limpido cantautorato di Aldo Becca, così siamo certi che in futuro anche la figura di Vasco Viviani tornerà a camminare al nostro fianco, ad accompagnarci come ha fatto in questi ultimi anni. Perché, ne siamo certi, quello della musica è un demone che quando ti ha abbrancato difficilmente ti abbandona.
Grazie a Vasco Viviani, e grazie ad Aldo Becca, a Marino Josè Malagnino, a Giovanni Lami, a Jenny Burnazzi e a tutti coloro il cui spirito aleggia in questo nastrino: «E di noi se puoi, tieni insieme i ricordi migliori… un giorno saremo fiori».


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/4/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´