`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´

Autore disco:

Barre Phillips, Marc Pichelin & Kristof Guez // Xavier Charles, Michel Doneda & Jean-Léon Pallandre // Yann Paranthoën

Etichetta:

Editions Ouïe/Dire (F)

Link:

www.ouiedire.com

Email:

Formato:

CD // CD // 3inch CD

Anno di Pubblicazione:

2015 // 2012 // 2013

Titoli:

1) Manhattan Bridge 2) Central Park 3) Crossroad 4) Subway 5) Staten Island 6) Marketplace // 1) Cinq Heures Trente 2) Proche 3) Le Gaycre 4) Soir 5) Quantique 6) Aux Grillons 7) Comme Nulle Part 8) Six Heures // 1) Demain, c’est Paris-Roubaix

Durata:

39:13 // 60:02 // 11:33

Con:

Barre Phillips, Marc Pichelin, Kristof Guez // Xavier Charles, Michel Doneda, Jean-Léon Pallandre // Yann Paranthoën

un pro memoria

x amabile buscema (no ©)

Sicuramente, seppure saltuariamente, abbiamo già scritto qualcosa a proposito della Ouïe/Dire, associazione dell’Aquitania francese specializzata, tra l’altro, nella produzione di cartoline sonore.
Nell’occasione segnaliamo innanzitutto un gioiellino pubblicato di recente e dedicato alla città di New York, la cui confezione in formato 20,5 x 15 cm comprende un libretto a colori di 16 pagine con qualche annotazione e varie foto di Kristof Guez più un CD della durata di circa 39 minuti. I microfoni dell’esperto Pichelin vengono calati a ritrarre sei tipici ambienti della città americana, tre dei quali sonorizzati nientepopodimenoche dal contrabbasso di Barre Phillips. Ogni ulteriore commento è inutile.
Datato a qualche anno addietro è invece “Gaycre (2)”, che vede il tecnico microfonista Pallandre e gli strumentisti Charles e Doneda (clarinetto e sax soprano) ritornare una seconda volta (le registrazioni del primo “Gaycre” risalgono all’estate del 1997) nella valle che prende il nome dal fiume che la solca (un subaffluente della Garonna). Frutto dell’esperienza è una confezione di 20x15 cm, con sei cartoline fotografiche, quattro delle quali recto-verso, e un CD della durata di circa un’ora. Il suono flebile e delicato delle due ance, i soffi, i respiri, lo schioccare dei tasti, e altro, si miscelano con il canto degli uccelli, con il gorgogliare delle acque correnti e con gli altri suoni di un ambiente naturale rimasto parzialmente incontaminato.
La cartolina sonora “Demain, c’est Paris-Roubaix” ha un formato più piccolo, 15x10,5 cm, e contiene un libretto di otto pagine e un CD di 3 pollici con circa 11 minuti di interviste sulla strada. L’autore è l’operatore televisivo Yann Paranthoën e l’argomento la Parigi-Roubaix, una delle classiche corse ciclistiche più importanti e più amate. Si tratta di un bel documento, realizzato per la radio francese, che può interessare sia gli appassionati di questo tipo di registrazioni sia gli amanti delle corse ciclistiche.
Consiglio i lettori di seguire con costanza le pubblicazioni della Ouïe/Dire, indipendentemente da questi pro memoria che ogni tanto tracciamo su sands-zine.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/4/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´