`Autotrophy´

Autore disco:

12+

Etichetta:

Aut (D)

Link:

www.autrecords.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Soul Eater 2) Programmed Cell Death 3) Structural Stability And Morphogenesis 4) Dreaming Jewels 5) Three Millimeters Per Day 6) Phase Transition 7) Bigger Than The Sun 8) Mismade Girl 9) Moulting Cicada 10) Uneasy Dreams 11) Ready To Hatch 12) Holometaboly 13) Innova Corpora

Durata:

47:48

Con:

Giacomo Cioni

recycled music della miglior specie

x mario biserni (no ©)

Lo scrivere di musica è come un verme che ti guasta il cervello. Ti toglie il gusto di ascoltarla. Prima o poi dovrò trovare la forza di smettere per tornare a vivere quella che per me è un’autentica passione.
Prendete questo bel CD. Avrei potuto gustarmelo in tranquillità. Oltretutto il nonno dell’autore è stato il mio maestro alle scuole elementari. Un motivo in più per fare black-out di tutte le seghe mentali e lasciarmi andare alla goduria più pura.
Invece zac! Ecco il tarlo del recensore che comincia a rodere e porta a fare paragoni e a cercare riferimenti.
Vado quindi a spulciare e vedo che il Cioni (nessun collegamento con il personaggio cantato dal primo Benigni) ha disegnato la copertina allo splendido CD eponimo dei Silent People, pubblicato anch’esso su Aut. Tutto questo mi fa pensare a Chantal Passamonte, entrata a lavorare alla Warp come grafica e poi musicista presso la stessa etichetta con lo pseudonimo Mira Calix. Poi, dal momento che una Warp tira l’altra, viene logico passare al nome di Aphex Twin, quello più spigliato di “…I Care Because You Do”, alla cui fantasia ritmica questo “Autotrophy” fa pensare in più d’un frangente.
Giacomo Cioni campiona e ricompone frammenti dalla prima tranche di pubblicazioni della Aut Records, muovendosi nel filo del rasoio fra jazz, musica informatica e pop estemporaneo.
Tutto ciò lo fa con estrema autorevolezza, e così “Autotrophy” s'impone come uno dei più bei dischi di musica riciclata ascoltati negli ultimi anni.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/7/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´