`Coriandoli´

Autore disco:

La Bestia Carenne

Etichetta:

Bulbart (I)

Link:

www.labestiacarenne.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) L’uomo che cammina 2) La quercia 3) Le gambe belle 4) La notte di San Giovanni 5) Il nome di Saffo 6) Carpenteria 7) Il cecchino 8) Polena 9) Le mosche

Durata:

48:39

Con:

Giuseppe Di Taranto, Paolo Montella, Giuseppe Pisano, Antonello Orlando, Stefano Costanzo, Charles Ferris, Sergio Di Leo

tradizione e innovazione

x primo tivi (no ©)

La Bestia Carenne è un quartetto napoletano, permeabile a varie infiltrazioni, che lavora al rinnovamento della tradizione cantautorale … o, sarebbe meglio, dire della tradizione folk, tanto per utilizzare quella sottile linea che divide il sapore antico di un Branduardi da quello moderno di un Lolli. Sapori che, comunque, spesso si miscelano nel primo come nel secondo caso. Nella Bestia Carenne il sapore è antico ma l’uso delle parole, l’uso degli strumenti e gli arrangiamenti sono quasi sempre estremamente contemporanei. Potrei azzardare un paragone con quanto Iosonouncane va facendo nei confronti della tradizione, cantautorale nel suo caso, ma con il rapporto fra strumentazione tradizionale e manipolazione elettronica che qui appare invertito. Se sapranno lavorare bene intorno alle loro intuizioni più innovative e dare una rifinitura maggiore alle loro idee sono destinati a fare grandi cose. In attesa godiamoci quello che, comunque vada, è e rimarrà un gran bel disco.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/12/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´