`Les Ravageurs´

Autore disco:

Edoardo Marraffa & Nicola Guazzaloca

Etichetta:

Klopotec (SLO)

Link:

www.klopotec.si

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Les Ravageurs

Durata:

49:34

Con:

Edoardo Marraffa, Nicola Guazzaloca

impro-libre en un cuerpo libre

x viola manzoni (no ©)

Due musicisti della scena jazz bolognese più “ortodossa”, in corsivo e fra virgolette, quella nata con il collettivo Basse Sfere e cresciuta intorno alla Scuola Popolare di Musica Ivan Illich (l’altra era quella che ruotava intorno al Laboratorio di Musica & Immagine).
Due musicisti appartenenti alla prima (Marraffa, qui ai sax tenore e sopranino) e alla seconda generazione (Guazzaloca, qui al pianoforte e oggetti) di quella scena ormai storica, in dimostrazione di una salutare vitalità e di una vitale continuità (questo in netta contrapposizione a un mondo che vede accorciarsi sempre più il periodo di vita delle cose). La collaborazione fra i due viene quindi da lontano, ha radici storiche nella Musica Creativa europea, nella Great Black Music e nella New Thing americane, e si è espressa sia nella partecipazione comune a vari ensemble sia nella formula del duo (in concerto e anche in una precedente registrazione pubblicata nel 2008 su Setola di Maiale). Non fosse che per questo, per il fatto di rappresentare una certezza, i due musicisti sarebbero da idolatrare.
Ma c’è dell’altro.
Una così lunga storia comune porta infatti con sé, oltre allo stupore consono alla libera improvvisazione, la stabilità di due teste ormai esercitate a pensare come una testa sola. È questo l’aspetto più interessante: conservare la propria individualità, non può essere altrimenti per due strumenti così diversi come il pianoforte e il sassofono, all’interno di una gestione collettiva. Se l’uomo comune sciogliesse questo nodo il mondo filerebbe liscio come l’olio, e liscia come l’olio scorre la musica di “Les Ravageurs”, nei momenti più fragili come nei momenti più compatti, nelle scene più immobili come in quelle più convulse.
Le registrazioni sono avvenute in pubblico, il 13 Maggio 2016, durante il Limmitationes – Festival - Schnittpunkte der musik tenutosi a Heiligenkreuz im Lafnitztal (comune austriaco situato nelle zona di confine con Ungheria e Slovenia, e slovena è l’etichetta che ha pubblicato il disco).
Ascoltatelo: la musica libera lebera il corpo e la mente!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/12/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´