`Dieci´ // `La porta stretta´

Autore disco:

Dieci Ensemble // Eugenio Sanna

Etichetta:

Setola di Maiale (I) // Autoproduzione (I)

Link:

www.setoladimaiale.net
www.eugeniosanna.it

Email:

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Rigurgiti sinfonici 2) Tanto era un pezzo di silenzio 3) Canti di uccelli a primavera 4) Il problema del prima e del dopo 5) Adagio sofisticato 6) Fiducia globale 7) Jodel di montagna gratuito 8) Gli abiti eleganti degli uomini 9) Urlare con gran decoro 10) Fanfare industriali 11) Chiaroscuri 12) Le foglie sono vive // 1) Manifestazioni fluorescenti 2) Fuoco metallico 3) L’apertura della porta 4) Agosto in campagna (parte prima) 5) Sbalzi balsamici 6) Vento di primavera 7) Agosto in campagna

Durata:

54:22 // 28:47

Con:

Eugenio Sanna, Maurizio Costantini, Cristina Abati, Edoardo Ricci, Guy Frank Pellerin, Stefano Bartolini, Marco Baldini, Giuliano Tremea, Stefano Bambini, Andrea Di Sacco // Eugenio Sanna

sulle tracce di derek bailey

x nobile pommella (no ©)

Il 10 Ensemble guidato da veterani dell’improvvisazione come il chitarrista Eugenio Sanna e i sassofonisti Edoardo Ricci e Guy Frank Pellerin non può che far pensare alla Company di Derek Bailey, una delle formazioni più rivoluzionarie attive nella storia recente della musica improvvisata. Durante i raduni di quell’ensemble, è sempre bene rinfrescare la memoria, accanto alle performance che riunivano tutti i musicisti si svolgevano anche concerti di formazioni più ridotte.
Allo stesso modo in queste registrazioni avvenute a Pisa nel Giugno 2015 si possono ascoltare tre brani dove suona l’ensemble al gran completo, e inoltre un sestetto, un quartetto e sette trii assortiti. C’è dunque modo di ascoltare i dieci improvvisatori, quasi tutti gravitanti nell’area pisana, adattarsi e interagire in una quantità di situazioni piuttosto variegate. Proprio questo non essere gruppo rigido, non esserci un leader predefinito (il ruolo di Bailey era quello dell’organizzatore oltreché quello del semplice strumentista), non esserci un conductor (a differenza di quanto avviene nella varie orchestre creative), e soprattutto proprio in questo dare pari opportunità ai singoli strumentisti risiede l’unicità di questo tipo di formazioni. Così il 10 Ensemble può dirsi ispirato alla Company, nella formula, ma non può assolutamente esserne considerato una clonazione. Ogni spicchio di queste musiche vive di una propria personalità. Parafrasando la pubblicità: se la formula non ristagna il gusto ci guadagna. Soprattutto, mi sembra importante, è buona cosa la presenza di musicisti attivi e ben disposti a raccogliere il testimone affinché una strada come quella tracciata dalla Company non vada a disperdersi nel nulla. Dategli credito perché lo meritano.
Allo stesso modo del 10 Ensemble anche Eugenio Sanna appare profondamente influenzato da Derek Bailey; e sono disposto a tagliarmi una mano nel caso il chitarrista pisano dovesse confutare questa mia affermazione. Anche in questo caso, come in quello del 10 Ensemble, scrivendo influenzato non intendo scrivere che si tratta di un clone e neppure che si tratta di un discepolo pedissequo. Innanzi tutto tale era la libertà messa in opera dall’improvvisatore inglese che pare formalmente impossibile clonarlo. Ma c’è dell’altro. Laddove Bailey era un musicista dalle sonorità astratte trovo che Sanna è tendenzialmente onomatopeico. La seriosità dell’inglese viene bypassata dall’italiano, che al contrario mostra un approccio ironico e irriverente nei confronti della musica stessa. Basta confrontare alcuni titoli (“Solo Guitar” e “Improvisation” da una parte e “Lo Scorfano Miracolato” o “Le Sette Premonizioni Ortofrutticole” dall’altra) per rendersi conto di quanto l’approccio di Sanna, nonostante le influenze subite, differisca da quello di Bailey. “La porta stretta”, a dispetto di quasi mezzo secolo di attività, dovrebbe essere il suo primo disco per solo chitarra, quindi una verifica importante sullo stato della sua arte e sulla qualità della stessa. Il lavoro, pubblicato inizialmente su cassetta da Tutore Burlato, viene adesso distribuito in CD-R dall’autore stesso.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/10/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´