`Numen – Life Of Elitra Lipozi´

Autore disco:

Patrizia Oliva

Etichetta:

Staaltape (D)

Link:

staaltape.wordpress.com
patriziaoliva.wordpress.com

Email:

Formato:

CS

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Danse des Fantomes 2) A Day Long To

Durata:

40:00 ca

Con:

Patrizia Oliva

una raccolta estemporanea di impressioni, espressioni, ecc...

x vasco rossi (no ©)

Edito in 20 copie, così c’è scritto nel foglietto che sta all’interno della confezione, e 1 di queste è arrivata nelle mie zampe in promozione. Vuoi che la Oliva non abbia spedito almeno altre 4 copie promozionali (e sto chiramente giocando al ribasso)? Ne restano 15 in vendita. In questi casi il prezzo per copia dovrebbe lievitare al di sopra degli 80 €, ma andando nel punto vendita della Staaltape scopro che il nastrino viene venduto a 7 €, + 3,50 € per la spedizione, e trovo che il tutto ha dell’incredibile. Però devo dire che, sempre nel sito della Staaltape, c’è scritto di una seconda edizione (ancora di 20 copie).
Patrizia Oliva resta legata alle forme più incontaminate di ‘fai da te’, è un dato indiscutibile, e se questo la rende ancor più apprezzabile nondimeno relega il suo nome nei recessi più nascosti riservati agli artisti di culto.
Aggiungo che la sua levatura, dopo anni di attività, rimane integra, e quanto è andato perso in spontaneità viene compensato in esperienza. Sull’arricchimento di quest’ultima hanno sicuramente inciso le numerose collaborazioni, alle quali la Oliva quasi mai si sottrae, e metterei in primo piano un’esperienza vietnamita, vissuta insieme a Stefano Giust, con concerti tenuti anche insieme a musicisti locali (per saperne di più a proposito delle sue collaborazioni invito vivamente a visitare il suo sito).
In “Numen – Life Of Elitra Lipozi”, lavoro dedicato al neurologo Oliver Sacks (Londra, 9 luglio 1933 – New York, 30 agosto 2015), fa tutto da sola e, oltre alla voce, utilizza elettroniche, nastri, flauto vietnamita, sintetizzatore DX7, registrazioni d’ambiente e di vita, oggetti e microfoni a contatto. Quello che ne esce è una raccolta estemporanea di impressioni, espressioni, stati d’animo, flash, esperienze, appunti, ricami, frattaglie, grumi e polvere.
“Numen – Life Of Elitra Lipozi”, sempre logico ma mai matematico, è una classica lezione di vita rumorosa e, talvolta, oscura.
M’era sembrato di cogliere l’intenzione di una ristampa in CD per Setola di Maiale, spero che l’intenzione si concretizzi perché sarebbe un peccato limitare l’ascolto di questo lavoro ai soli cassettofili.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/4/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´