`Variazioni Gracchus´

Autore disco:

Casa

Etichetta:

Dischi Obliqui (I)

Link:

facebook.com/CASAufficiale
twitter.com/casanewsletter
myspace.com/dischiobliqui

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Galileo ritrovato Variazioni Gracchus: 2) Aria 3) Variazione I 4) Variazione II 5) Variazione III 6) Variazione IV 7) Variazione V (dedicata ad Alessanda Maldifassi) 8) Variazione VI 9) Variazione VII 10) Variazione VIII 11) Aria da capo Le partenze che ci allontanano: 12) Movimento I 13) Movimento II 14) Movimento III

Durata:

47:09

Con:

Filippo Bordignon, Emmanuele Gardin, Matteo Scalchi, Marco Girardin, Laura Giaretta, Andrea Cattelan, Yuri Bizzotto

torna il neo-classicismo (ma quando mai se n’era andato?)

x renee ducourneau (no ©)

“Variazioni Gracchus”, titolo che occhieggia al Kafka di “Der Jäger Gracchus”, è l’ottavo disco dei vicentini Casa. In realtà si tratta di un disco del gruppo che, sebbene venga accreditato allo stesso, lo è solo in parte. I brani contenuti sono infatti composizioni strumentali, in stile neo-classico, scritte dal cantante Filippo Bordignon ed eseguite da strumentisti alieni alla formazione, ad eccezione del chitarrista Matteo Scalchi che suona l'ʿūd nel Galileo ritrovato.
Avevo ascoltato il loro disco precedente, “My Magma”, ma avevo deciso di non recensirlo perché non mi convincevano le parti vocali. Si trattava comunque d’un punto d’incontro fra il cantautorato di Giorgio Gaber e suoni di estrazione no wave (intendendo con questa definizione non solo il movimento circoscritto alla città di New York all’inizio degli anni ’80, ma buona parte del free-rock che gli era stato antecedente e gli era succeduto).
“Variazioni Gracchus” sembra iniziare dove terminava il disco precedente, e i suoni a incastro con fisarmonica, violoncello, viola e ʿūd del Galileo ritrovato riprendono il modello dello strumentale La zuppa con il coltello, ultimo e miglior brano che suggellava la scaletta di “My Magma”.
Le dieci variazioni che danno il titolo al disco, e che ne occupano la sezione centrale, sono scritture per solo pianoforte e, se solo il tocco sui tasti fosse sempre poco marcato, farebbero pensare ai notturni di Chopin o alle musiche per pianoforte di Satie.
Le partenze che ci allontanano, coi suoi intrecci a due – tre strumenti, è compositivamente il brano più complesso. Il dialogo fra il flauto e il violoncello del primo Movimento è vivacizzato nel secondo dall’introduzione del pianoforte, per poi planare verso un finale elegiaco e strutturalmente rarefatto.
“Variazioni Gracchus” è un ottimo intarsio di musiche neo-classiche apprezzabile un po’ da tutti, ma soprattutto da coloro che hanno amato formazioni come Rachel’s e simili.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/11/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´