`Maledetta Dopamina´

Autore disco:

Maledetta Dopamina

Etichetta:

I Dischi Del Minollo, Moquette Records, Koe Records, Dischi Bervisti (I)

Link:

www.minollorecords.com
www.dischibervisti.com
koerecords.wordpress.com

Formato:

CD, DL

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Brotos 2) Toro Sedato 3) Messa a Terra 4) Preludio 5) Fuga 6) Putamen 7) Acta Est Fabula 8) Titoli di Coda

Durata:

34:30

Con:

Luca Novati, Lorenzo Novati, Luca Scattaretica, Mauro Giletto, Nicola Manzan

post everything

x gienica carta (no ©)

Un basso e una batteria sono da sempre considerati, nel jazz come nel rock, una sezione ritmica, cioè una coppia di strumenti deputata all’accompagnamento dei vari strumenti solisti. Più o meno da sempre questa sezione s’è però ricavata degli spazi propri, soprattutto durante le esibizioni in pubblico, attraverso break più o meno dilatati. Chi ha però dato alla sezione ritmica la dignità di progetto indipendente attorno a cui far ruotare, eventualmente, altri protagonisti sono i giapponesi Ruins guidati da Tatsuya Yoshida.
La musica prodotta con questa formula strumentale, chiaramente, è essenzialmente ritmo. Potremmo furbescamente definirla come una drum and bass che, a differenza della sua omonima elettronica, viene suonata su strumenti tradizionali. Talvolta, come è successo agli stessi Ruins, la formula viene ampliata da un terzo o più strumenti, che possono essere un secondo basso o altro, destinati comunque a rafforzativo della struttura di base.
Cosa c’entra tutto questo, direte voi, con i Maledetta Dopamina?
C’entra eccome, perché i Maledetta Dopamina sono un trio nel quale la classica formula drum and bass viene ampliata dalla presenza di una seconda batteria. Originali e, per quanto ne so, unici. I riferimenti possono andare dal neo-progressive più geometrico al noise, dal free core alle musiche bandistiche e circensi, con qualcosa di grottesco che fa pensare al cinema di Fellini. Gli archi di Nicola Manzan in Toro Sedato e il synth di Mauro Giletto in Preludio giocano un ulteriore ruolo rafforzativo.
I Ruins, naturalmente, stanno sempre in cielo a far le veci della stella polare.
Davvero ottimi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/11/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´