`Silentium´

Autore disco:

Yiorgis Sakellariou

Etichetta:

Pogus Productions (USA)

Link:

www.pogus.com
mechaorga.wordpress.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Silentium

Durata:

49:51

Con:

Yiorgis Sakellariou

concretezze dalla grecia, via praga

x rosette blanche (no ©)

Yiorgis Sakellariou è un compositore greco, già dal nome appare inequivocabile, di musiche sperimentali ed elettroacustiche. La composizione presentata in questo CD è basata sui suoni di campane, di organi da chiesa e altro registrati nel Dicembre 2015 durante una residenza presso la galleria Školská di Praga.
Suoni sordi e poco politi, micro suoni rarefatti e a tratti glitcherosi, silenzi, che esplodono nella seconda parte in una sequenza sferragliante. Se intendete addentrarvi in “Silentium” cancellate prima dalla memoria concezioni quali organo da chiesa e simili, dal momento che vi troverete al cospetto di un mondo affatto diverso, una specie di viaggio nel lato oscuro del subconscio, alla stessa maniera di chi brancola nel buio cercando di captare al tatto le forme che lo circondano e spera in qualche sprazzo di luce che possa mostrargliene la reale consistenza. Solo così sarà in grado di capire che un baobab è un baobab e un babbuino è un babbuino. Una specie di viaggio che, potete ben capirlo, è quanto mai avventuroso. Chi ha coraggio si butti nel vuoto, anche senza l’elastico o il paracadute a frenarne la caduta, ma i timorosi restino pure ben ancorati alle panzane di uno sgarbi qualsiasi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/11/2017
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2017 ...

`Cartridge Music (musica per testina)´ // `Nassau 1713´  

`Sensorium´  

`Drowning In Wood´  

`Malo´ // `Sacrée Obsession´  

`Veiled´  

`Dimensioni´ // `Parallelo´  

`Live At La Resistenza´  

`Spannung´  

`Flawless Dust´ // `Scenes From A Trialogue´  

`Črne Vode / Black Waters / Schwarze Wasser´ // `Let Them Grow´  

`ﺭﺍﺩﻳﻮ ﺇﺯﺩﺍﻍ´ // `Es Prohibido Cantar´  

`Pow´  

`Place´  

`Carrion, My Wayward Son …´  

`Maledetta Dopamina´  

`Uno Todo Tres´  

`The Galilean Moons´  

`Dancing Trees´  

`Il Ballo dell’Orso´  

`Reverse Camouflage´  

`For Arthur Doyle´ // `Osing Trance – Musik Patrol´  

`Tape Crash #12´  

`Offshore Zone´  

`Andante Plumbeo´  

`Volume 3´  

`Kali Yuga´ // `Le filtre à sons – Vol. 1´  

`Reliquies´  

`Unbehagen´  

`D’ora stella´  

`Zero Brane´  

`Witch´ // `The Golden Calf´ // `Il vespaio´  

`New York City´ // `Gaycre (2)´ // `Demain, c’est Paris-Roubaix´  

`Alegrìas y duelos de mi alma´  

`Silent People´  

`Circles Of Upper And Lower Hell´  

`A Tree, At Night´ // `Prima del terzo´ // `Heavy Nichel´ // `Taken From A True Story´  

`Honey Ant Dreaming´ // `Reverie´ // `Warm Glow´ // `Bliss´  

`Calce´ // `5 Haiku´  

`The Exodus Suite´  

`A Beat Of A Sad Heart´  

`Chamber Rites´  

`Numen – Life Of Elitra Lipozi´  

`Memoria Istruttiva´ // `Funeral Parties´  

`Zurich Concerts (15 Years Of Kontrabassduo Studer-Frey)´  

`Tape Crash 14´ // `Tape Crash 15´  

`Âncora´  

`Tectonic Shifts´ // `Modus Of Raw´  

`Chi va piano va già troppo veoce (Sulla lentezza del bradipo)´  

`Hoverload´ // `{}´  

`Arpe Eolie´ // `Ragionamenti musicali in forma di dialogo: X e XII´  

`Ho perso la testa´ // `Musica per autoambulanze´  

`The Stabbing´ // `Acephale´ // `in Fin dei Corpi´  

`Autotrophy´  

`Farfalle e Falene´  

`Eagle Prayer´  

`Méthodologie Contextuelle´ // `Sequenze per raffigurazioni mentali #1´  

`Creatura´  

`City Of Vorticity´  

`Vostok´  

`Appartamento in centro´  

`KIKEΩN´  

`Primio´  

`Examination Of The Eye Of A Horse´  

`Bad Habits´  

`Hypno-pop´  

`Dieci´ // `La porta stretta´  

`Fabuloseries´  

`Awake´  

`Way´  

`Apnea´  

`Rumore austero´ // `Sitcom Koan´ // `Maps And Mazes´  

`Beyond Time´  

`Zentuary´ // `Pasar Klewer´  

`Silentium´  

`Prossime trascendenze´  

`Live Spomen Dom´  

`The White Side, The Black Side´  

`Variazioni Gracchus´  

`The Miracles Of Only One Thing´  

`Become Zero´  

`Right Error´  

`Traum´  

`Re-Birth´  

`Le nove ombre del caos´  

`Les Ravageurs´  

`Falling Apart´  

`Coriandoli´  

`Divus´  

`Learn To Live´  

`Il De’ Blues´ // `Sì´  

`Menhir´  

`Un incubo stupendo´