`Tres Cosas´

Autore disco:

Juana Molina

Etichetta:

Domino (GB)

Link:

www.juanamolina.com
www.dominorecordco.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2004

Titoli:

1) No es tan cierto 2) El cristal 3) Sálvese quién pueda 4) ¡Uh! 5) Tres cosas 6) Yo sé que 7) Isabel 8) Zamba corta 9) Sólo su voz 10) Cúrame 11) Filter Taps 12) El progreso 13) Insensible

Durata:

57:46

Con:

Juana Molina, Francisca Mayol, Martin Iannaccone, Petra Haden, Alejandro Franov, Fernando Kabusacki, Hernán Caratozzolo

Un disco che ci permette di ampliare il nostro campo visivo senza dovergli trovare una perfetta collocazione stilistica.

x Truci

" ...Es así: no es verdad y nada es tan cierto por ahí parece haber asomando un cuerpo... ". È con queste parole che inizia l'ultimo album dell'Argentina Juana Molina; strano, perché così, a un primo ascolto, non ci si accorge neanche della cadenza latina delle parole... Se infatti non avessi già sentito parlare di lei, e non fossi reduce dall'ascolto del suo precedente album "Secundo" (risalente al 1998 ma edito solo nel 2000 e oggi disponibile sempre su Domino), mi sarebbe facile credere, inizialmente, di essere d’innanzi ad un'artista anglosassone (magari con origini spagnole o latino-americane). Forse siamo ancora abituati a ritenere Arto Lindsay un'eccezione? Forse si fa ancora fatica ad accostare ‘sonorità moderne’ a cantautori di lingua ispanica? Ecco, "Tres cosas" è giusto il disco che può farci cambiare idea.
Juana Molina è arrivata al successo nel suo paese natale, una decina di anni fa, non come musicista, bensì come protagonista di un famosissimo serial televisivo ("Juana y sus hermanas"): è con musiche scritte per tale programma che vide la luce il suo debutto discografico ("Rara" 1996).
La vera essenza delle intenzioni musicali di Juana, però, assume una forma più distinta nel suo secondo album ("Secundo", per l’appunto), un disco che rivela la sua discreta maturità artistica e un’acquisita consapevolezza ad intraprendere seriamente la carriera musicale. Certo che il fatto di essersi spostata a Los Angeles deve averla influenzata, e aiutata, nella sua crescita, così appare singolare, e importante, la decisione di continuare ad esprimersi nella sofisticata lingua madre. Tale scelta appare ancor più singolare se pensiamo che fin da piccola era stata introdotta dal padre, sì, all'ascolto della musica e all'apprendimento di uno strumento (la chitarra), ma che lei stessa confessa di avere avuto difficoltà nell'elaborare la propria ‘musicalità’ (‘... But musically I think I got rid of a lot of prejudice; I was very self–conscious’).
In "Secundo", nonostante ciò, prendono già forma quei caratteri stilistici che in "Tres cosas" (pubblicato nel 2002, ma distribuito nel mercato Europeo dalla Domino solo quest'anno) andranno a connotare le peculiarità musicali che oggi contraddistinguono la sua espressività: folk-music cullata da un letto di soffice elettronica.
Questo è il substrato su cui viene costruito “Tres cosas”; inutile dire che il repertorio folk, e l'atteggiamento intimistico con cui i cantautori usano avvicinarsi alla scrittura musicale, sono la principale ispirazione per Juana Molina, da essi eredita la predilezione per la chitarra acustica, presente in ogni traccia del disco, e l'uso poetico delle parole. Credo che sia facile capire quanto sia importante, per questa artista, comunicare la complessità di alcuni stati d'animo e la delicatezza dell'essenza della vita; la combinazione di due mondi musicali apparentemente così lontani, quali il folk e l’elettronica, permettono in realtà di accostarsi meglio a questi stati d'animo così complessi. È un po' come se la somma di ‘fattori diversi’ favorisca la messa a punto di paesaggi sonori dalle più alte intensità e carica emotiva.
Sono queste le cose che troviamo alla base di un bel lavoro come “Tres cosas”, ed è questo che ci permette di parlarne in termini così favorevoli; se agli stacchi semplici di chitarra e voce non si aggiungessero, subito dopo, fugaci rumorini frammentati, organetti che seguono la voce melodica a mo' di salmodia, ritmi ostentatamente sincopati, voci e suoni campionati, be’... probabilmente saremmo qui a parlare di uno dei tanti dischi folk del momento. Bello sì, ma uno dei tanti... ”Tres cosas” ci permette invece di ampliare il nostro campo visivo, senza dovergli trovare per questo una perfetta collocazione stilistica. È la forte connotazione intimista a dotare questo disco di un’ampia apertura verso svariate direzioni, con la voglia di crescere e arrivare a paesaggi ancora sconosciuti senza, per questo, snaturarne l’essenza.
La parte più significativa del disco è costituita da un delicato tappeto sonoro su cui poggiano Sólo su voz e Cúrame, doppio omaggio alle più classiche sonorità folk e acustiche (chitarra e voce accompagnate da violino e violoncello). Tali chicche sono inframmezzate a due brani, privi di testo, dalla più forte connotazione elettronica, dove trovano spazio anche voci campionate che ricordano una recita mantrica (Filter taps).
La decisione di mantenere lo spagnolo, nonostante ogni più conveniente scelta commerciale suggerisse di passare all'inglese - visto anche il discreto successo di critica riscosso da "Secundo" negli USA, denota una forte, e particolare, scelta stilistica. Probabilmente l’artista ritiene di potersi esprimere appieno solo tramite le parole del vocabolario ‘materno’, anche se ciò va a discapito di una maggiore commerciabilità del prodotto musicale finito. Un motivo di più per apprezzarla.
La chiusura del disco è affidata a Insensible, filastrocca melodica e dichiarato omaggio agli anni di auto-esilio, trascorsi in Francia, durante gli orrendi anni della dittatura militare: l’idioma transalpino spunta così, inaspettatamente, a cappello di chiusura del disco, ma non perché lo spagnolo è inadeguato a tinteggiare le sue storie, bensì solo come memento, ricordo di un passato lontano.
I suoni della natura, le favole, l’eredità artistica di Vinicius De Moraes e Chico Buarque, con cui la famiglia di Juana era solita trascorrere le vacanze estive, costituiscono il perno dell'originale creatività musicale di questa donna, attorno alla cui silhouette la limpidezza del canto e il melodico arpeggiare della chitarra volteggiano senza soluzione di continuità.
È questo il semplice segreto di “Tres cosas”, della sottile delicatezza che aleggia via, lungo ogni traccia, dell'originalità di una lingua così ‘caliente’ poggiata su più stridule sonorità elettroniche, della semplicità che permette a tutti di accostarvisi... a tutti, sì, senza correre il rischio di restarne delusi. In fondo ci dovrà pur essere un motivo se David Byrne, di recente, ha espressamente voluto Juana Molina ad aprire alcuni dei suoi concerti. No?


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/1/2005
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2005 ...

`Arborvitae´  

`Demo(n) Tracks´  

`Origine Comune – Sinewaves Compilation´  

`Pain Pen´  

`Paris´ // `Brame´ // `Bords de Mhère´  

`Percussion Music´ // `Vibra #1´  

`Phantom Orchard´  

`Possible Landscape´  

`Shimmer´ // `A Rose Is A Rose´  

`Sonic Scope 04: The Portable Edition´  

`Stories´  

`Talking And Drum Solos´  

`Tayutauta´  

`Tayutayuto Tadayoitamae Kono Furue´  

`The Noise & The City´  

`The Time And The Room´  

`Transmission Fields´  

`Tongue´ // `Presence´ // `Stun Shelter´  

`Tres Cosas´  

`Tubb Tombstone´  

`Turn´  

`Um Argentino No Deserto´ // `Música De Baixa Fidelidade´  

`Vous rêvez / Vous ne rêvez pas´  

`Water Mirror´ `Air Curtain´  

`Why Not Béchamel´  

`Yggia Vilyggia´  

`Construction Sonor´  

`Odds And Ends´  

`Hello Spiral´  

`3 Commissions´  

`I Am Not Sitting In A Room With Reynols´ // `Hey Ya´  

`Agosto Romano´  

`Open Mouth, O Wisp On´  

`Bremort´  

`Moov Spot´ // `Real Time Satellite Data´  

`Bremen To Bridgwater´  

`Nona´  

`Cottage Industrial Vol. 3´  

`Zona´ // `Time Service´  

`Antologia de Música Electrónica Potuguesa´  

`14 Tracks/Pieces´  

`Anche se solo un miraggio, ci vuole coraggio´  

`A Compressed History Of Everything Ever Recorded, Vol. 2: Ubiquitous Eternal Live´  

`Desco Music´  

`[/end]´  

`Just Another Diamond Day´  

`One Day With My Fishing Umbrella´  

`Mr. Bore´  

`Complementary Contrasts (Donaueschingen 2003)´  

`Grapes From The Estate´  

`idroscalo d’autore – disco compatto numero uno´  

`Clicks & Cuts 4´  

`Bananafish Magazine #18´  

`Okho, Psappha, Rebonds A & B´  

`Blinks´  

`London Strings´  

`Another White Album´ // `Rettet Die Wale´  

`Gante Mishpuchah – Music in Three Parts´  

`Mutant Theatre´  

`The Doldrums´  

`S/T´ // `Nee Niemals Nicht´  

`Cacerolada / Cleavage Of Acoustics´ // `Dissectio / Environmental Cleaning Moments´  

`Lake Biwa´  

`Burning Star Core (Brighter Summer Day)´ // `Flybys´ // `The Birth Of Cruel´  

`Uncode Duello´  

`Cavern With Nightlife´  

`Selam´  

`Fiche´  

`The Bird You Never Were´  

`Voodooluba´  

`SPARE ME/calf´ // `Guinea Pig´  

`Jealousy And Diamond´  

`The Williamsburg Sonatas´  

`Dietilamide Vintage In Lana Di Vetro´  

`L’anno dell’uragano´  

`Swimming Against The Moments´  

`Berlin´  

`Sonic Alter - Deepchord Remix´  

`Oimacta´  

`61 winter's hat´  

`Même´  

`Live!iXem 2004´  

`Adventures´  

`Talking Drum´  

`Canti Illuminati´  

`Holy Letters´  

`Vehicles Of Travel´  

`Free Jam´  

`Universonbangaorfeo´  

`Four gardens in one´  

`The Coldest January´  

`Meritie´  

`The 1 Season´  

`Magyar Népköltészet´  

`Sfrigor´  

`13 piccoli singoli radiofonici…´  

`Archive Sessions Vol 1´  

`Pocket Progressive´  

`Rot´ // `Da cantare – Opere vocali 1951- 1983´  

`noli me legere …to Maurice Blanchot´  

`Plays The Stooges´ // `The Driver´  

`What’s lost Is Something Important. What’s found Is Something Not Revealed.´  

`Pirandèlo Suona´  

`The Sad Mac´ // `Pieces Of Winter´ // `On Tape´  

`Quartets´  

`Ragas & Blues´  

`Off Leash´  

`My New Lifestyle´  

`Neuestrasse´  

`Typical Human Beings´  

`Tammetõru´  

`And Green Leaves Grow´ // `Candle City´  

`Selektion Key Orchestra´ // `Reverence fot uncertainty´ // `Spirits, little dreams, and improvisations´  

`Cent Tas D’Arêtes´  

`Dub Ainu´  

`Proposte Sonore´  

`Inferno´ // `Shy Girl´ // `OvO / Tremor split´  

`Via Vespucci´ // `Vento Elektra´  

`The Agents of Impurity´  

`Shadows Over Humanity´  

`on.it.sed´  

`No Survivors For The New World´  

`Dawn of the Magicians´  

`Ghost Man On First´ // `Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room´  

`Capacidad De Pérdida´ // `A Cavall Entre Dos Cavalls´ // `Etwa´  

`Palaa Aurinkoon´  

`Kunststoff´  

`Kientzy plays Johnson´  

`Gesine´  

`Headphone Musics, 1 to 6 / As Is As´  

`L’écorce Chante La Forêt´  

`Beyond The Darkness´  

`Insiememusicadiversa´  

`Robert M // Adams & Bancroft´  

`Unoccupied Areas´  

`Still´  

`Shining´ // `The Forbidden 80s´  

`Concert in St. Louis´  

`Backscatter´  

`Nowhere Campfire Tapes´  

`Music For Cymbal´  

`Prayers From the Underbelly´  

`Sleeps With Fishes´  

`Yearlong´  

`All Acoustics´ // `The Scotch Of St. James´ // `Futuro´  

`Deti Zezemme´  

`Explode´ // `Annulé´ // `Luck´ // `Unsolved Remained´  

`From Tour´  

`Science Ep Vol 3+4´  

`Product´  

`La tête qui flotte´ // `Ask For Tiger´  

`Beatles Arias´  

`Art Wolf´ // ‘Sculpted Sound’  

`Lubuaku´  

`Ten Types Of Elsewhere´  

`Les Oscillations´  

`Red Room´ // `Perspectives´  

`Landing Talk – Le Zattere dei sentimenti´ // `I Could Go On Singing´ // `Zu/Dalek´  

`Mandarin Movie´  

`Pooka´  

`Let’s Trade Pants´  

`Congotronics´ // `Antology 1981-2003´ // `Untilted´  

`ErstLive005´  

`Constance´  

`Mini´ // `Tornare Nella Terra´  

`Sequence A´  

`Get Off´ // `Fremdkoerper´  

`Prospect Hummer´ // `Berserker´ // `Jesus Chryst´ // `Worn Copy´  

`The ear that was sold to a fish´  

`Soft left onto westland´  

`Post_Piano 2´  

`Easy Listening´  

`King Glitch´  

`Post´  

`Estrapade´  

`Catholic Paws / Catholic Pause´  

`Sarajevo Blues´  

`I Fly´  

`Nita – l’angelo sul trapezio´  

`Too Late´  

`isole che parlano 00 03´  

`Insen´  

`Bright Future´  

`Nihm´  

`Manhattan [linear, circular, lateral]´  

`A Global Taxonomical Machine´  

`The Harmless Dust´ // `Quartet´ // `Radial´  

`A Book Of Standard Equinoxes´  

`48´ // `Orange Book´  

`Strom´  

`35 Mutant Seconds: Based On Rafael Toral’s Creamy Burst´  

`Kantamoinen´  

`Empty Rooms´ // `180 Bullets Per Man´  

`Echoes of Thiiings / Fadiiing Echoes´  

`Mike Westbrook’s Love Songs´  

`Still Valley´ // `Viking Burial For A French Car´  

`Peak Experience´  

`Parete 1967 (Per Emilio Vedova)´  

`Résonances Ossip Zadkine´  

`M.I. Nheem Alysm´  

`Sound Voice Perform´  

`Homo Volans´ // `Something´  

`Untlited Songs´  

`Eight Thrushes In New York´  

`My Dear Siegfried´  

`Greed´  

`Face The Music / Respect Your Nightmares´ // `Oil Tasters´  

`Holding Patterns´  

`I Segnali della Ritirata´  

`Sylissain Oot´ // `Hyppy Tunti´  

`Istmo´ // `Atami´  

`Just One Night´ // `Atlas saltA (map lies, border lies…)´  

`Campfire Songs´  

`An Incomplete Guide To Vorpal Music´ // `Jättiläisrotta´  

`Ten cases of human aberration´  

`Music for fragments from the inside´  

`Morte a 33 giri´  

`Inaudito´  

`Pro Agonist´  

`Degenerate´  

`Labo MTL´ // `Two Ships´ // `On The Verge Of Redundance´ // `Soffuse Tragedy´  

`Wahrnehmungen 1980-1981´  

`Insular Regions´  

`Yhä Hämärää´  

`Uccellacci´  

`Tonkori´  

`Live At The Kerava Jazz Festival´  

`electroniX´  

`Incisione´ // `La quinta essenza della mediocrità´  

`Here Are Your New Instructions´ // `Hotel Dilettante´  

`L’amitié ou les rumeurs insoutenables du désir´ // `Et ses apparitions´ // `Par noussss touss les trous de vos cranes!´  

`Dream Time´  

`Hednod Sessions´ // `Jesu´  

`Oder Delias Or Butterflies´