`Ghost Man On First´ // `Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room´

Autore disco:

Currituck Co.

Etichetta:

Lexicon Devil (AUS) // Track and Field (GB)

Link:

home.earthlink.net/~kb8000/
www.trackandfield.org.uk/

Formato:

CD // CD

Anno di Pubblicazione:

2003 // 2005

Titoli:

1) A raga called Nina 2) Requiem for John Fahey 3) A raga called Pat Cohn 4) Dedication Fred Neil 5) Silly woman 6) The tropics of cancer 7) The march of the people who do mot know you 8) I truly understand // 1) Paid for grace 2) I sent outside today 3) 8pm on a friday 4) Sleepwalking I 5) Run away from the sun 6) One too many comforts 7) Wisdom of the weeks 8) Sleepwalking II

Durata:

43:38 // 40:27

Con:

Kevin Barker

La reincarnazione di Fahey con la voce/luce del giorno. Imprescindibile

x Salvatore Borrelli

"Ghost Man On First" è un disco del 2003, uscito parecchio in sordina. Rappresenta la svolta intimista di Kevin Barker, che all'attivo aveva una manciata di singoli ed un lavoro su Teenbeat di un anno prima. A fare da sfondo a "Ghost Man On First" è una chitarra, quasi sempre acustica, che si tiene su geometrie e folgorazioni lineari fatte di grammatiche elementari. Il materiale è quello del primitive folk, ma con una dislessia che talvolta lo fa virare verso settori impro, o comunque antidialettici. Il disco è un susseguirsi di dinamiche ora commemorative, come nella marziale A raga called Nina, ora fatte di riposi estatici come la tranquilla The tropics of cancer che richiama il fantasma faheyano laddove la sua esistenza non era ancora tormento ma fragile esalazione di passo (America, innanzitutto). Il rimando a Fahey, sì fa verticale, fraseggiato in Requiem for John Fahey, e qui segue il suo necessario scarto dato che l'autore si trova sul luogo del delitto: c'è un prato, uno stormo d'uccelli, un cielo che non appena diverrà nero lascerà soltanto che la meditazione sull'eterno accompagni il sorgere della luce. Currituck Co. disegna chiaroscuri, valichi di paesaggio, li sbrina e li sigilla e da lì passano commozione e parola. Il varco è memoria. E quel varco è una stanza dove si consuma tutto quanto dentro 4 pareti: perimetrate, cementificate. Un varco fatto di 4 metri quadri dentro cui si specchiano gli accordi che compongono queste soluzioni, a volte abbozzate, racchiuse dentro sinapsi in tumescenza che procedono per invocazione e decedono per violamento, talvolta riposanti ma mai dissuadenti. Fahey è nel dentro, è il fantasma dietro tutto questo, rinchuso 'dentro', l'ambito rammemorativo di un confessionale che può esplodere da un momento all’altro.
Con "Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room", Barker approda al quarto lavoro. Siamo nel 2005 ed è cambiato certamente qualcosa. Il disco risulta subito cristallino, espurgato dai limiti che altrove apparivano ossessivi, eccessivi e molto ben registrato. La voce gioca il suo ruolo migliore, e gli apre la porta per il mondo, non più quello cameristico, ma quello delle praterie dove si consumano valanghe di riti orgiastici, organici. Paid for grace è immediatamente un capolavoro, un pezzo d'altri tempi, allucinato e trasognato quanto basta. Ogni tanto qua e là ritorna il fantasma di Fahey: ma è stemperato, meno lugubre di quello del disco precedente. Si comprende perfettamente che Currituck Co. sembra intraprendere una via al folk meno tortuosa ed oscura di Six Organs of Admittence ma non meno metodica ed autarchica.
Qui predomina il colore, la parola liberata, proporzionata mentre dall'altra parte predomina un certo spessore viola, minaccioso. 8pm on a friday sembra la perfetta integrazione dell'allontanamento dall'universo pulsivo del precedente lavoro. Il pezzo si gioca su costruzioni collocate dentro limiti gestiti con cura enorme, ma che fanno del disco la cosa più immediata, viva, quasi-concertistica. Ogni tanto qualche piccolo organo, qualche diavoleria, un loop, un semplice fraseggio reiterato reperiscono quell'inaspettata ricerca che si vorrebbe elettronica ma che qui traspare come sensibilità costruttivista, dialogica in piena controtendenza rispetto ai tempi, ai suoni, alle stelle. Wisdom for the weeks è il brano più lungo del lavoro, 10 minuti di totale estasi, con crescendo imprevisti ed un fluire, uno scorrere d'acqua, di mari, un field recordings allo stato brado, puro. Quello che si può dire è che questo personaggio ai margini di un'alba trasognata, stigmatizzata, recupera a tentoni, in incerta presa, con leale stasi un’intenzionalità non più da scavare dietro pietre fangose, quanto quella riemersa attraverso stormi e rugiade, con la durata dei bambini e l'altezza di quei sottili troni di ghiaccio che si scongelano per fare caosmosi di cristallo e bianco ovunque.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/7/2005
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2005 ...

`Arborvitae´  

`Demo(n) Tracks´  

`Origine Comune – Sinewaves Compilation´  

`Pain Pen´  

`Paris´ // `Brame´ // `Bords de Mhère´  

`Percussion Music´ // `Vibra #1´  

`Phantom Orchard´  

`Possible Landscape´  

`Shimmer´ // `A Rose Is A Rose´  

`Sonic Scope 04: The Portable Edition´  

`Stories´  

`Talking And Drum Solos´  

`Tayutauta´  

`Tayutayuto Tadayoitamae Kono Furue´  

`The Noise & The City´  

`The Time And The Room´  

`Transmission Fields´  

`Tongue´ // `Presence´ // `Stun Shelter´  

`Tres Cosas´  

`Tubb Tombstone´  

`Turn´  

`Um Argentino No Deserto´ // `Música De Baixa Fidelidade´  

`Vous rêvez / Vous ne rêvez pas´  

`Water Mirror´ `Air Curtain´  

`Why Not Béchamel´  

`Yggia Vilyggia´  

`Construction Sonor´  

`Odds And Ends´  

`Hello Spiral´  

`3 Commissions´  

`I Am Not Sitting In A Room With Reynols´ // `Hey Ya´  

`Agosto Romano´  

`Open Mouth, O Wisp On´  

`Bremort´  

`Moov Spot´ // `Real Time Satellite Data´  

`Bremen To Bridgwater´  

`Nona´  

`Cottage Industrial Vol. 3´  

`Zona´ // `Time Service´  

`Antologia de Música Electrónica Potuguesa´  

`14 Tracks/Pieces´  

`Anche se solo un miraggio, ci vuole coraggio´  

`A Compressed History Of Everything Ever Recorded, Vol. 2: Ubiquitous Eternal Live´  

`Desco Music´  

`[/end]´  

`Just Another Diamond Day´  

`One Day With My Fishing Umbrella´  

`Mr. Bore´  

`Complementary Contrasts (Donaueschingen 2003)´  

`Grapes From The Estate´  

`idroscalo d’autore – disco compatto numero uno´  

`Clicks & Cuts 4´  

`Bananafish Magazine #18´  

`Okho, Psappha, Rebonds A & B´  

`Blinks´  

`London Strings´  

`Another White Album´ // `Rettet Die Wale´  

`Gante Mishpuchah – Music in Three Parts´  

`Mutant Theatre´  

`The Doldrums´  

`S/T´ // `Nee Niemals Nicht´  

`Cacerolada / Cleavage Of Acoustics´ // `Dissectio / Environmental Cleaning Moments´  

`Lake Biwa´  

`Burning Star Core (Brighter Summer Day)´ // `Flybys´ // `The Birth Of Cruel´  

`Uncode Duello´  

`Cavern With Nightlife´  

`Selam´  

`Fiche´  

`The Bird You Never Were´  

`Voodooluba´  

`SPARE ME/calf´ // `Guinea Pig´  

`Jealousy And Diamond´  

`The Williamsburg Sonatas´  

`Dietilamide Vintage In Lana Di Vetro´  

`L’anno dell’uragano´  

`Swimming Against The Moments´  

`Berlin´  

`Sonic Alter - Deepchord Remix´  

`Oimacta´  

`61 winter's hat´  

`Même´  

`Live!iXem 2004´  

`Adventures´  

`Talking Drum´  

`Canti Illuminati´  

`Holy Letters´  

`Vehicles Of Travel´  

`Free Jam´  

`Universonbangaorfeo´  

`Four gardens in one´  

`The Coldest January´  

`Meritie´  

`The 1 Season´  

`Magyar Népköltészet´  

`Sfrigor´  

`13 piccoli singoli radiofonici…´  

`Archive Sessions Vol 1´  

`Pocket Progressive´  

`Rot´ // `Da cantare – Opere vocali 1951- 1983´  

`noli me legere …to Maurice Blanchot´  

`Plays The Stooges´ // `The Driver´  

`What’s lost Is Something Important. What’s found Is Something Not Revealed.´  

`Pirandèlo Suona´  

`The Sad Mac´ // `Pieces Of Winter´ // `On Tape´  

`Quartets´  

`Ragas & Blues´  

`Off Leash´  

`My New Lifestyle´  

`Neuestrasse´  

`Typical Human Beings´  

`Tammetõru´  

`And Green Leaves Grow´ // `Candle City´  

`Selektion Key Orchestra´ // `Reverence fot uncertainty´ // `Spirits, little dreams, and improvisations´  

`Cent Tas D’Arêtes´  

`Dub Ainu´  

`Proposte Sonore´  

`Inferno´ // `Shy Girl´ // `OvO / Tremor split´  

`Via Vespucci´ // `Vento Elektra´  

`The Agents of Impurity´  

`Shadows Over Humanity´  

`on.it.sed´  

`No Survivors For The New World´  

`Dawn of the Magicians´  

`Ghost Man On First´ // `Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room´  

`Capacidad De Pérdida´ // `A Cavall Entre Dos Cavalls´ // `Etwa´  

`Palaa Aurinkoon´  

`Kunststoff´  

`Kientzy plays Johnson´  

`Gesine´  

`Headphone Musics, 1 to 6 / As Is As´  

`L’écorce Chante La Forêt´  

`Beyond The Darkness´  

`Insiememusicadiversa´  

`Robert M // Adams & Bancroft´  

`Unoccupied Areas´  

`Still´  

`Shining´ // `The Forbidden 80s´  

`Concert in St. Louis´  

`Backscatter´  

`Nowhere Campfire Tapes´  

`Music For Cymbal´  

`Prayers From the Underbelly´  

`Sleeps With Fishes´  

`Yearlong´  

`All Acoustics´ // `The Scotch Of St. James´ // `Futuro´  

`Deti Zezemme´  

`Explode´ // `Annulé´ // `Luck´ // `Unsolved Remained´  

`From Tour´  

`Science Ep Vol 3+4´  

`Product´  

`La tête qui flotte´ // `Ask For Tiger´  

`Beatles Arias´  

`Art Wolf´ // ‘Sculpted Sound’  

`Lubuaku´  

`Ten Types Of Elsewhere´  

`Les Oscillations´  

`Red Room´ // `Perspectives´  

`Landing Talk – Le Zattere dei sentimenti´ // `I Could Go On Singing´ // `Zu/Dalek´  

`Mandarin Movie´  

`Pooka´  

`Let’s Trade Pants´  

`Congotronics´ // `Antology 1981-2003´ // `Untilted´  

`ErstLive005´  

`Constance´  

`Mini´ // `Tornare Nella Terra´  

`Sequence A´  

`Get Off´ // `Fremdkoerper´  

`Prospect Hummer´ // `Berserker´ // `Jesus Chryst´ // `Worn Copy´  

`The ear that was sold to a fish´  

`Soft left onto westland´  

`Post_Piano 2´  

`Easy Listening´  

`King Glitch´  

`Post´  

`Estrapade´  

`Catholic Paws / Catholic Pause´  

`Sarajevo Blues´  

`I Fly´  

`Nita – l’angelo sul trapezio´  

`Too Late´  

`isole che parlano 00 03´  

`Insen´  

`Bright Future´  

`Nihm´  

`Manhattan [linear, circular, lateral]´  

`A Global Taxonomical Machine´  

`The Harmless Dust´ // `Quartet´ // `Radial´  

`A Book Of Standard Equinoxes´  

`48´ // `Orange Book´  

`Strom´  

`35 Mutant Seconds: Based On Rafael Toral’s Creamy Burst´  

`Kantamoinen´  

`Empty Rooms´ // `180 Bullets Per Man´  

`Echoes of Thiiings / Fadiiing Echoes´  

`Mike Westbrook’s Love Songs´  

`Still Valley´ // `Viking Burial For A French Car´  

`Peak Experience´  

`Parete 1967 (Per Emilio Vedova)´  

`Résonances Ossip Zadkine´  

`M.I. Nheem Alysm´  

`Sound Voice Perform´  

`Homo Volans´ // `Something´  

`Untlited Songs´  

`Eight Thrushes In New York´  

`My Dear Siegfried´  

`Greed´  

`Face The Music / Respect Your Nightmares´ // `Oil Tasters´  

`Holding Patterns´  

`I Segnali della Ritirata´  

`Sylissain Oot´ // `Hyppy Tunti´  

`Istmo´ // `Atami´  

`Just One Night´ // `Atlas saltA (map lies, border lies…)´  

`Campfire Songs´  

`An Incomplete Guide To Vorpal Music´ // `Jättiläisrotta´  

`Ten cases of human aberration´  

`Music for fragments from the inside´  

`Morte a 33 giri´  

`Inaudito´  

`Pro Agonist´  

`Degenerate´  

`Labo MTL´ // `Two Ships´ // `On The Verge Of Redundance´ // `Soffuse Tragedy´  

`Wahrnehmungen 1980-1981´  

`Insular Regions´  

`Yhä Hämärää´  

`Uccellacci´  

`Tonkori´  

`Live At The Kerava Jazz Festival´  

`electroniX´  

`Incisione´ // `La quinta essenza della mediocrità´  

`Here Are Your New Instructions´ // `Hotel Dilettante´  

`L’amitié ou les rumeurs insoutenables du désir´ // `Et ses apparitions´ // `Par noussss touss les trous de vos cranes!´  

`Dream Time´  

`Hednod Sessions´ // `Jesu´  

`Oder Delias Or Butterflies´