`La tête qui flotte´ // `Ask For Tiger´

Autore disco:

Melodium // Domotic

Etichetta:

Autres Directions in Music (F) // Active Sunspension (F)

Link:

www.autresdirections.net
www.activesuspension.org
www.ascorpus.com/shop

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) Hellomusic 2) Les Psychotropes Sont Mes Amis, Puis Mes Ennemis 3) Se Rayer Provisoirement De La Liste Des Vivants 4) Kill Me With A Smile 5) Emptykuerten 6) Le Creux Est Ma Matiere Premiere 7) L’attachement Aux Symptomes 8) Mon Barometre Mental 9) Interlude Pour Depressifs 10) Gamm-Recompose 11) Marcher A L’envers Dans Nantes-Atlantique 12) Greg Davis > Craig David 13) La Chanson De Lais-Salome 14) La Fin De Tout 15) La Vie Est Plus Belle Depuis // 1) Meanwhile, in the woods 2) I hate you for ever 3) Tonsil 4) Hugs & kisses 5)Turquoise/ trotzdem 6) Self-service and robots 7) Not the movie you expected 8) Captain forest’s word of advice 9) NYEPES club 10) There may be a tiger 11) Animals are ungly and so am I

Durata:

46:29 // 47:05

Con:

Melodium, Lais-Salomé Massoussi, VioBarbault, Dudley // Stephane Laporte, Emiliano Flores, Gerry & Miguel Costantino

Altri due dischi di voce per laptop

Salvatore Borrelli

Se non fosse per i pastelli e le ballate romantiche, si direbbe che questo non è più Melodium. Quello che conoscevamo venne introiettato dall’universo elettronico in tempi non sospetti e con esiti che non si sarebbe detto così proficui data la natura così semplice (ma efficace) dei suoi dischi sintetici. Ed in effetti, sì, mi piace leggere questo suo ultimo come un lavoro di b-side, tese a mettere in gioco il suo orizzonte relazionale con la voce prestata dei suoi amici. Mi piace spiarlo a cercare nuovi lidi, magari più semplicistici ancora, ma consapevole che quella forma finora amata si sarebbe esautorata, avrebbe difficilmente parlato col cuore di un tempo perché già si stava esautorando. Se le arti, anche quelle più giocose, vengono a consumarsi non è colpa di nessuno: c’è bisogno continuo di novità, una barca di roba esce a ritmi vertiginosi e l’attenzione dell’ascoltatore promette sempre meno. Il tempo per assimilare un disco è talmente poco, tanti ne escono e se ne ascoltano, che quando ti capita il gioiellino diventa tutto più semplice ed inquadrabile (quasi a vista). Melodium finora ebbe la fortuna di appartenere a questa rara casta di musicisti: diretti, decisi, con idee, manco troppo difficili. Del giro elettronico francese è certamente quello più “classico” ed “apprendibile” . L’estetica elettronica è quella degli anni 80 e le sue soluzioni sonore, a parte qualche incastro azzeccato, ed una vena sempre molto nostalgica, non si sono mai abbandonate a sensazionalismi o particolari vette alchemiche. Finora fummo abituati ad un Melodium racchiuso, rannicchiato dentro crepuscoli, dentro maglie di lana su praterie di pomeriggi domenicali; ora lo ritroviamo in jeans, nei ritagli di tempo, che gioca, anche lui con le voci, con il pop cantato. Le esplorazioni vocali sono oramai territorio imprescindibili dentro le partiture da laptop. Lo fanno tutti, ed è tempo anche per lui di cominciare questa partita. Radicalmente non c’è nulla di nuovo: Melodium è sempre più proiettato a quelle libertà dei primi anni 80 più che alla musica del 2000. Certo è che nonostante il cambio di tendenza resta la sensazione di fronte alle sue melodie di trovarsi sempre di fronte ad un blocco non scorporabile, troppo marcato e definito per incutere timore o solcarne i dettagli. Si ha la sensazione che l’uso della voce, rispetto al blocco sonoro, non vada a chiudere l’amalgama, che voce e suono non siano stati creati nello stesso momento, ma forse solo come frutto di giustapposizioni organizzate in due tempi distinti e con una teleologia nemmeno tanto consapevole dalla composizione delle prime partiture di doversi confrontare con una voce, magari incisa in un secondo tempo e per caso. Resta comunque ancora un corpo sonoro fin troppo logico, che tolto l’uso del laptop, si avvale degli stessi procedimenti della musica leggera più di quella elettronica, e che in fin dei conti resta gradevole ma che mai esalta davvero. Resta da chiedersi che cosa cambierebbe se mancasse la voce, se restasse solo il suono. A prima vista niente di particolare. Andando più a fondo qualcosa in meno forse rispetto alle precedenti composizioni che soffrivano di una comunicatività minore ma avevano un potere evocativo e le parole gliele davi da solo. Senza bisogno di applicargliele con una voce. Ci si chiede quanto sia stucchevole, e talvolta lambiccato il suo lavoro sonoro, e stavolta, poiché la materia è più eterogenea, se non altro per le voci, il risultato è un tantino sopra i dischi che abbiamo amato di più, ma all’orizzonte è difficile che i suoi lavori possano promettere ancora molto. Dopo 4 dischi, un ep, e alcune manciate di singoli, il suono di Melodium si è posto permanentemente all’attenzione per carica d’identità, vie utilizzate per raggiungerla, coerenza e solidità interna… ma è un impasto che, per il modo della musica contemporanea, puntando paradossalmente sulla formula, lascia i propositi per un sobbalzo impetuoso irretiti per colpa di un eccesso di ripetizione, una ripetizione che lasciata lì dov’è rischia di emaciarsi e di diventare glabra.
Domotic è Stéphane Laporte, un talentuosissimo laptop-musician che nel 2002 se ne uscì, sempre per la stessa etichetta, con quel “bye bye” che rappresentò una piacevole sorpresa sebbene non rappresentasse già all’interno delle agitazioni dell’elettronica di allora un particolare contributo all’evolversi di certe sonorità. Sembrava piuttosto un accrescimento parallelo a quanto si sentiva sul catalogo Morr in una versione più decostruita e particolaristica. Dopo 3 anni Domotic ritorna sulle scene, e ci ritorna in una forma smagliante e sembra di ritrovarsi di fronte ad un progetto diverso! 3 anni, nell’universo discografico vigente, sono 30 anni. Non fai il tempo a girare la testa che un genere è morto, un software non serve più, una musica che pareva vertiginosa pare ora inutile. Domotic, come nel caso di Melodium, è anche lui passato all’ausilio della voce, e per questo, e non per altri motivi, le due recensioni si preferisce tenerle associate. Non è un caso infatti che due musicisti che finora lavoravano solo su musiche abbiano deciso di utilizzare anche delle voci per i loro dischi nuovi. La prima cosa che sorprende in "Ask The Tiger" è la plurivocità di coordinate e l’ausulio del rumore come forma d’introduzione/conclusione brani. Il disco ha mille sfaccettature, da un’estetica del compiacimento ad un tripudio della forma operistica, a cavalcate psicodrammatiche, a lidi di revisionismo krautrockistico. Un mirabolante incastro pluridimensionale, dalle proporzioni emozionali favolose che lo pone accanto alle migliori sonorità di Casiotone for the painfully alone, almeno a forza espressiva ed adolescenziale. Un disco di portata straordinaria la cui genialità consiste nell’assoluta specificità del random, dell’ausilio di tutto quanto si direbbe moderno per una composizione ma nel medesimo tempo essenziale, fondamentale e necessario. Non c’è alcun episodio gratuito, ogni singolo frammento sonoro ha ricevuto il giusto trattamento, si sente insomma che c’è un lavoro incredibile e che nonostante il trattamento impressionante nulla si sia lambiccato, formalizzato per eccesso di scrupolo. I dischi di elettronica e voce per laptop dovrebbero passare da qui nei mesi a venire, da questi puntamenti, questi sommari di organizzazioni revisionistiche sulla strategia dei giochi meccanici, rintelare il versante del divertimento in palloncini d’acqua e sabbia non paritetici e inopportuni per il moderno, dato che l’universo del contemporaneo, spigolosamente, nasce da questi buchi difformi, dentro l’atomica dello scherzo che si fratta riducendosi a rinvio di storie criptiche a venire, dentro soliloqui esistenziali che vogliono sempre del sole e dei raggi perché vivono di elettricità e di superamento. Un lavoro davvero magistrale, davvero notevole, davvero importante.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/7/2005
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2005 ...

`Arborvitae´  

`Demo(n) Tracks´  

`Origine Comune – Sinewaves Compilation´  

`Pain Pen´  

`Paris´ // `Brame´ // `Bords de Mhère´  

`Percussion Music´ // `Vibra #1´  

`Phantom Orchard´  

`Possible Landscape´  

`Shimmer´ // `A Rose Is A Rose´  

`Sonic Scope 04: The Portable Edition´  

`Stories´  

`Talking And Drum Solos´  

`Tayutauta´  

`Tayutayuto Tadayoitamae Kono Furue´  

`The Noise & The City´  

`The Time And The Room´  

`Transmission Fields´  

`Tongue´ // `Presence´ // `Stun Shelter´  

`Tres Cosas´  

`Tubb Tombstone´  

`Turn´  

`Um Argentino No Deserto´ // `Música De Baixa Fidelidade´  

`Vous rêvez / Vous ne rêvez pas´  

`Water Mirror´ `Air Curtain´  

`Why Not Béchamel´  

`Yggia Vilyggia´  

`Construction Sonor´  

`Odds And Ends´  

`Hello Spiral´  

`3 Commissions´  

`I Am Not Sitting In A Room With Reynols´ // `Hey Ya´  

`Agosto Romano´  

`Open Mouth, O Wisp On´  

`Bremort´  

`Moov Spot´ // `Real Time Satellite Data´  

`Bremen To Bridgwater´  

`Nona´  

`Cottage Industrial Vol. 3´  

`Zona´ // `Time Service´  

`Antologia de Música Electrónica Potuguesa´  

`14 Tracks/Pieces´  

`Anche se solo un miraggio, ci vuole coraggio´  

`A Compressed History Of Everything Ever Recorded, Vol. 2: Ubiquitous Eternal Live´  

`Desco Music´  

`[/end]´  

`Just Another Diamond Day´  

`One Day With My Fishing Umbrella´  

`Mr. Bore´  

`Complementary Contrasts (Donaueschingen 2003)´  

`Grapes From The Estate´  

`idroscalo d’autore – disco compatto numero uno´  

`Clicks & Cuts 4´  

`Bananafish Magazine #18´  

`Okho, Psappha, Rebonds A & B´  

`Blinks´  

`London Strings´  

`Another White Album´ // `Rettet Die Wale´  

`Gante Mishpuchah – Music in Three Parts´  

`Mutant Theatre´  

`The Doldrums´  

`S/T´ // `Nee Niemals Nicht´  

`Cacerolada / Cleavage Of Acoustics´ // `Dissectio / Environmental Cleaning Moments´  

`Lake Biwa´  

`Burning Star Core (Brighter Summer Day)´ // `Flybys´ // `The Birth Of Cruel´  

`Uncode Duello´  

`Cavern With Nightlife´  

`Selam´  

`Fiche´  

`The Bird You Never Were´  

`Voodooluba´  

`SPARE ME/calf´ // `Guinea Pig´  

`Jealousy And Diamond´  

`The Williamsburg Sonatas´  

`Dietilamide Vintage In Lana Di Vetro´  

`L’anno dell’uragano´  

`Swimming Against The Moments´  

`Berlin´  

`Sonic Alter - Deepchord Remix´  

`Oimacta´  

`61 winter's hat´  

`Même´  

`Live!iXem 2004´  

`Adventures´  

`Talking Drum´  

`Canti Illuminati´  

`Holy Letters´  

`Vehicles Of Travel´  

`Free Jam´  

`Universonbangaorfeo´  

`Four gardens in one´  

`The Coldest January´  

`Meritie´  

`The 1 Season´  

`Magyar Népköltészet´  

`Sfrigor´  

`13 piccoli singoli radiofonici…´  

`Archive Sessions Vol 1´  

`Pocket Progressive´  

`Rot´ // `Da cantare – Opere vocali 1951- 1983´  

`noli me legere …to Maurice Blanchot´  

`Plays The Stooges´ // `The Driver´  

`What’s lost Is Something Important. What’s found Is Something Not Revealed.´  

`Pirandèlo Suona´  

`The Sad Mac´ // `Pieces Of Winter´ // `On Tape´  

`Quartets´  

`Ragas & Blues´  

`Off Leash´  

`My New Lifestyle´  

`Neuestrasse´  

`Typical Human Beings´  

`Tammetõru´  

`And Green Leaves Grow´ // `Candle City´  

`Selektion Key Orchestra´ // `Reverence fot uncertainty´ // `Spirits, little dreams, and improvisations´  

`Cent Tas D’Arêtes´  

`Dub Ainu´  

`Proposte Sonore´  

`Inferno´ // `Shy Girl´ // `OvO / Tremor split´  

`Via Vespucci´ // `Vento Elektra´  

`The Agents of Impurity´  

`Shadows Over Humanity´  

`on.it.sed´  

`No Survivors For The New World´  

`Dawn of the Magicians´  

`Ghost Man On First´ // `Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room´  

`Capacidad De Pérdida´ // `A Cavall Entre Dos Cavalls´ // `Etwa´  

`Palaa Aurinkoon´  

`Kunststoff´  

`Kientzy plays Johnson´  

`Gesine´  

`Headphone Musics, 1 to 6 / As Is As´  

`L’écorce Chante La Forêt´  

`Beyond The Darkness´  

`Insiememusicadiversa´  

`Robert M // Adams & Bancroft´  

`Unoccupied Areas´  

`Still´  

`Shining´ // `The Forbidden 80s´  

`Concert in St. Louis´  

`Backscatter´  

`Nowhere Campfire Tapes´  

`Music For Cymbal´  

`Prayers From the Underbelly´  

`Sleeps With Fishes´  

`Yearlong´  

`All Acoustics´ // `The Scotch Of St. James´ // `Futuro´  

`Deti Zezemme´  

`Explode´ // `Annulé´ // `Luck´ // `Unsolved Remained´  

`From Tour´  

`Science Ep Vol 3+4´  

`Product´  

`La tête qui flotte´ // `Ask For Tiger´  

`Beatles Arias´  

`Art Wolf´ // ‘Sculpted Sound’  

`Lubuaku´  

`Ten Types Of Elsewhere´  

`Les Oscillations´  

`Red Room´ // `Perspectives´  

`Landing Talk – Le Zattere dei sentimenti´ // `I Could Go On Singing´ // `Zu/Dalek´  

`Mandarin Movie´  

`Pooka´  

`Let’s Trade Pants´  

`Congotronics´ // `Antology 1981-2003´ // `Untilted´  

`ErstLive005´  

`Constance´  

`Mini´ // `Tornare Nella Terra´  

`Sequence A´  

`Get Off´ // `Fremdkoerper´  

`Prospect Hummer´ // `Berserker´ // `Jesus Chryst´ // `Worn Copy´  

`The ear that was sold to a fish´  

`Soft left onto westland´  

`Post_Piano 2´  

`Easy Listening´  

`King Glitch´  

`Post´  

`Estrapade´  

`Catholic Paws / Catholic Pause´  

`Sarajevo Blues´  

`I Fly´  

`Nita – l’angelo sul trapezio´  

`Too Late´  

`isole che parlano 00 03´  

`Insen´  

`Bright Future´  

`Nihm´  

`Manhattan [linear, circular, lateral]´  

`A Global Taxonomical Machine´  

`The Harmless Dust´ // `Quartet´ // `Radial´  

`A Book Of Standard Equinoxes´  

`48´ // `Orange Book´  

`Strom´  

`35 Mutant Seconds: Based On Rafael Toral’s Creamy Burst´  

`Kantamoinen´  

`Empty Rooms´ // `180 Bullets Per Man´  

`Echoes of Thiiings / Fadiiing Echoes´  

`Mike Westbrook’s Love Songs´  

`Still Valley´ // `Viking Burial For A French Car´  

`Peak Experience´  

`Parete 1967 (Per Emilio Vedova)´  

`Résonances Ossip Zadkine´  

`M.I. Nheem Alysm´  

`Sound Voice Perform´  

`Homo Volans´ // `Something´  

`Untlited Songs´  

`Eight Thrushes In New York´  

`My Dear Siegfried´  

`Greed´  

`Face The Music / Respect Your Nightmares´ // `Oil Tasters´  

`Holding Patterns´  

`I Segnali della Ritirata´  

`Sylissain Oot´ // `Hyppy Tunti´  

`Istmo´ // `Atami´  

`Just One Night´ // `Atlas saltA (map lies, border lies…)´  

`Campfire Songs´  

`An Incomplete Guide To Vorpal Music´ // `Jättiläisrotta´  

`Ten cases of human aberration´  

`Music for fragments from the inside´  

`Morte a 33 giri´  

`Inaudito´  

`Pro Agonist´  

`Degenerate´  

`Labo MTL´ // `Two Ships´ // `On The Verge Of Redundance´ // `Soffuse Tragedy´  

`Wahrnehmungen 1980-1981´  

`Insular Regions´  

`Yhä Hämärää´  

`Uccellacci´  

`Tonkori´  

`Live At The Kerava Jazz Festival´  

`electroniX´  

`Incisione´ // `La quinta essenza della mediocrità´  

`Here Are Your New Instructions´ // `Hotel Dilettante´  

`L’amitié ou les rumeurs insoutenables du désir´ // `Et ses apparitions´ // `Par noussss touss les trous de vos cranes!´  

`Dream Time´  

`Hednod Sessions´ // `Jesu´  

`Oder Delias Or Butterflies´