`Palaa Aurinkoon´

Autore disco:

Islaja

Etichetta:

Fonal (FIN)

Link:

www.fonal.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) Laivat saapuu 2) Rohkaisulaulu 3) Uni pöllönä olemisesta 4) Palaa aurinkoon 5) Haaveilija 6) Senkun tanssitaan 7) Sateen tullessa 8) Rukki 9) Tule puutarhaan 10) Vaeltajan laulu 11) Rukous

Durata:

42:59

Con:

Islaja, Risto Yliharsila, Jukka Raisanen, Aanitetty Jampereella

Un capolavoro automatico

x Salvatore Borrelli

Non ho mai partecipato ai cori funebri, mai inviolato il giardino degli Dei. Le cancellate che dividono notte e rigurgito separano mondi differenti e l'accesso all'ultrasensibile rimane prerogativa degli stregoni. Già per il primo lavoro di Islaja ponevo l'accento sulla componente mistico-magnetica di questa paladina delle fiabe, in contatto con le forze esoteriche del naturale e "Palaa Aurinkoon" congiunge il perfetto proseguimento logico del precedente episodio in una sfera stavolta ancora più incenerita, incendiata da componenti trascendentali. La corona mistica che involge ad anello la diacronia d'argento di questi pastelli dinamici respira come una luce dentro un bicchiere scuro. Laivat saapuu densa di campanellini, organi crepuscolari e cori bislacchi introduce l'ossessione del rito e la caduta ineguale che in tempi certamente meno commossi lo Smog di “Wild Love" già virilizzava con veemenza. Si tratta di quella medesima atmosfera aurale, in consonanza al cantato, con precisi impulsi ancestrali di memoria, tutti proiettati nell'avant, in una ricerca che diventa irregolare nel medesimo modo con cui si fa familiare e di carne. Il secondo episodio Rohkaisulaulu gioca proprio nella prospettiva sibillina, di preghiera greve e in sottofondo si formano e si sformano i medesimi cori come su piani mareggiati, umanissimi. L'incredibile sensibilità che Islaja riesce ad anticipare in ogni articolazione del suo suono le permette di riscrivere tutto quanto è passato attraverso il folk, attraverso la notte. Il piano magmatico dove imprecazione e declamazione portano ad atmosfere tardo-romantiche la congiunge idealmente con un certo desiderio dark, notturnale. Uni pöllönä olemisesta ha le stesse impostazioni magnetiche degli abbracci interrotti, la medesima spinta nevralgica. Si ha la sensazione che ciò che viene percepito ad un primo ascolto sia soltanto una parziale visione di quanto c’è dietro. Dentro il disco respirano i medesimi antefatto ipnotici ed antropologici che davano densità alla Master music of Jajouka, la medesima carica espressiva e delirante fatta di sangue. In Haaveilija a farla da sfondo sono sempre presagi sepolcrali, dissestati, energetici in cui ogni ingrediente fa da motivo ad un nuovo circuito. Se Cat Power avesse le allucinazioni e fosse nata nella Selva seguirebbe questa congiunzione astrale ma il punto è che qui c'è reale indipendentismo e la stessa produzione del disco ha risvolti che solo chi coltiva nel privato una passione può garantire. La Fonal è l'etichetta di punta di questa scena, produce confezioni spettacolari, lo fa con una passione e con una forza che solo i grandi di spirito possono coltivare ed Islaja appartiene alla categoria di coloro che saranno annoverati tra i maggiori geni del folk concreto quando le stampe specialistiche la smetteranno di concepire piani a scadenza mensile per questa o quell’altra realtà da costruire e distruggere a piacimento.
Il progetto Islaja è uno di quei pochi progetti che non hanno niente a che fare con la contemporaneità, con il disco usa&getta. E' soltanto magia, luna. Non è già più di questo mondo! Le sue canzoni sono da posizionare accanto ai testi di Friederike Mayrocker. Basta osservare le strutture lagunari di Rukki per gridare al miracolo senza condizione. La convulsione di un prato primordiale che si muove dentro l'anomalia di una tangibilità che riemerge da lampi di nudità, il senso quasi/psichiatrico della nascita e della morte con interruzioni di sonno e cadenza di cielo. La speranza che riemerge senza interruzioni come verso un viaggio cangiante e che sprigiona l'invocazione delle cavallette, delle farfalle serali, di rive che seguono sciami d'insetti mattutini. E' questo mondo alogico ed analogico, di pioggia nel sole, di poesia senza ospitalità bloccata, ciò che viene incontro all'ascolto e che fa irradiare l'anima. Gli accenni caraibici che si sentono dentro, le pulsioni infantili e primordiali dell’ego pre-individuazione. Non c'è niente da fare. Ci troviamo di fronte al Sacro. E questa è la sua via terminale per l’ascesi che ad un passo dalle stelle ci guarda ridendo di noi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/7/2005
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2005 ...

`Arborvitae´  

`Demo(n) Tracks´  

`Origine Comune – Sinewaves Compilation´  

`Pain Pen´  

`Paris´ // `Brame´ // `Bords de Mhère´  

`Percussion Music´ // `Vibra #1´  

`Phantom Orchard´  

`Possible Landscape´  

`Shimmer´ // `A Rose Is A Rose´  

`Sonic Scope 04: The Portable Edition´  

`Stories´  

`Talking And Drum Solos´  

`Tayutauta´  

`Tayutayuto Tadayoitamae Kono Furue´  

`The Noise & The City´  

`The Time And The Room´  

`Transmission Fields´  

`Tongue´ // `Presence´ // `Stun Shelter´  

`Tres Cosas´  

`Tubb Tombstone´  

`Turn´  

`Um Argentino No Deserto´ // `Música De Baixa Fidelidade´  

`Vous rêvez / Vous ne rêvez pas´  

`Water Mirror´ `Air Curtain´  

`Why Not Béchamel´  

`Yggia Vilyggia´  

`Construction Sonor´  

`Odds And Ends´  

`Hello Spiral´  

`3 Commissions´  

`I Am Not Sitting In A Room With Reynols´ // `Hey Ya´  

`Agosto Romano´  

`Open Mouth, O Wisp On´  

`Bremort´  

`Moov Spot´ // `Real Time Satellite Data´  

`Bremen To Bridgwater´  

`Nona´  

`Cottage Industrial Vol. 3´  

`Zona´ // `Time Service´  

`Antologia de Música Electrónica Potuguesa´  

`14 Tracks/Pieces´  

`Anche se solo un miraggio, ci vuole coraggio´  

`A Compressed History Of Everything Ever Recorded, Vol. 2: Ubiquitous Eternal Live´  

`Desco Music´  

`[/end]´  

`Just Another Diamond Day´  

`One Day With My Fishing Umbrella´  

`Mr. Bore´  

`Complementary Contrasts (Donaueschingen 2003)´  

`Grapes From The Estate´  

`idroscalo d’autore – disco compatto numero uno´  

`Clicks & Cuts 4´  

`Bananafish Magazine #18´  

`Okho, Psappha, Rebonds A & B´  

`Blinks´  

`London Strings´  

`Another White Album´ // `Rettet Die Wale´  

`Gante Mishpuchah – Music in Three Parts´  

`Mutant Theatre´  

`The Doldrums´  

`S/T´ // `Nee Niemals Nicht´  

`Cacerolada / Cleavage Of Acoustics´ // `Dissectio / Environmental Cleaning Moments´  

`Lake Biwa´  

`Burning Star Core (Brighter Summer Day)´ // `Flybys´ // `The Birth Of Cruel´  

`Uncode Duello´  

`Cavern With Nightlife´  

`Selam´  

`Fiche´  

`The Bird You Never Were´  

`Voodooluba´  

`SPARE ME/calf´ // `Guinea Pig´  

`Jealousy And Diamond´  

`The Williamsburg Sonatas´  

`Dietilamide Vintage In Lana Di Vetro´  

`L’anno dell’uragano´  

`Swimming Against The Moments´  

`Berlin´  

`Sonic Alter - Deepchord Remix´  

`Oimacta´  

`61 winter's hat´  

`Même´  

`Live!iXem 2004´  

`Adventures´  

`Talking Drum´  

`Canti Illuminati´  

`Holy Letters´  

`Vehicles Of Travel´  

`Free Jam´  

`Universonbangaorfeo´  

`Four gardens in one´  

`The Coldest January´  

`Meritie´  

`The 1 Season´  

`Magyar Népköltészet´  

`Sfrigor´  

`13 piccoli singoli radiofonici…´  

`Archive Sessions Vol 1´  

`Pocket Progressive´  

`Rot´ // `Da cantare – Opere vocali 1951- 1983´  

`noli me legere …to Maurice Blanchot´  

`Plays The Stooges´ // `The Driver´  

`What’s lost Is Something Important. What’s found Is Something Not Revealed.´  

`Pirandèlo Suona´  

`The Sad Mac´ // `Pieces Of Winter´ // `On Tape´  

`Quartets´  

`Ragas & Blues´  

`Off Leash´  

`My New Lifestyle´  

`Neuestrasse´  

`Typical Human Beings´  

`Tammetõru´  

`And Green Leaves Grow´ // `Candle City´  

`Selektion Key Orchestra´ // `Reverence fot uncertainty´ // `Spirits, little dreams, and improvisations´  

`Cent Tas D’Arêtes´  

`Dub Ainu´  

`Proposte Sonore´  

`Inferno´ // `Shy Girl´ // `OvO / Tremor split´  

`Via Vespucci´ // `Vento Elektra´  

`The Agents of Impurity´  

`Shadows Over Humanity´  

`on.it.sed´  

`No Survivors For The New World´  

`Dawn of the Magicians´  

`Ghost Man On First´ // `Sleepwalks In The Garden Of The Dead Room´  

`Capacidad De Pérdida´ // `A Cavall Entre Dos Cavalls´ // `Etwa´  

`Palaa Aurinkoon´  

`Kunststoff´  

`Kientzy plays Johnson´  

`Gesine´  

`Headphone Musics, 1 to 6 / As Is As´  

`L’écorce Chante La Forêt´  

`Beyond The Darkness´  

`Insiememusicadiversa´  

`Robert M // Adams & Bancroft´  

`Unoccupied Areas´  

`Still´  

`Shining´ // `The Forbidden 80s´  

`Concert in St. Louis´  

`Backscatter´  

`Nowhere Campfire Tapes´  

`Music For Cymbal´  

`Prayers From the Underbelly´  

`Sleeps With Fishes´  

`Yearlong´  

`All Acoustics´ // `The Scotch Of St. James´ // `Futuro´  

`Deti Zezemme´  

`Explode´ // `Annulé´ // `Luck´ // `Unsolved Remained´  

`From Tour´  

`Science Ep Vol 3+4´  

`Product´  

`La tête qui flotte´ // `Ask For Tiger´  

`Beatles Arias´  

`Art Wolf´ // ‘Sculpted Sound’  

`Lubuaku´  

`Ten Types Of Elsewhere´  

`Les Oscillations´  

`Red Room´ // `Perspectives´  

`Landing Talk – Le Zattere dei sentimenti´ // `I Could Go On Singing´ // `Zu/Dalek´  

`Mandarin Movie´  

`Pooka´  

`Let’s Trade Pants´  

`Congotronics´ // `Antology 1981-2003´ // `Untilted´  

`ErstLive005´  

`Constance´  

`Mini´ // `Tornare Nella Terra´  

`Sequence A´  

`Get Off´ // `Fremdkoerper´  

`Prospect Hummer´ // `Berserker´ // `Jesus Chryst´ // `Worn Copy´  

`The ear that was sold to a fish´  

`Soft left onto westland´  

`Post_Piano 2´  

`Easy Listening´  

`King Glitch´  

`Post´  

`Estrapade´  

`Catholic Paws / Catholic Pause´  

`Sarajevo Blues´  

`I Fly´  

`Nita – l’angelo sul trapezio´  

`Too Late´  

`isole che parlano 00 03´  

`Insen´  

`Bright Future´  

`Nihm´  

`Manhattan [linear, circular, lateral]´  

`A Global Taxonomical Machine´  

`The Harmless Dust´ // `Quartet´ // `Radial´  

`A Book Of Standard Equinoxes´  

`48´ // `Orange Book´  

`Strom´  

`35 Mutant Seconds: Based On Rafael Toral’s Creamy Burst´  

`Kantamoinen´  

`Empty Rooms´ // `180 Bullets Per Man´  

`Echoes of Thiiings / Fadiiing Echoes´  

`Mike Westbrook’s Love Songs´  

`Still Valley´ // `Viking Burial For A French Car´  

`Peak Experience´  

`Parete 1967 (Per Emilio Vedova)´  

`Résonances Ossip Zadkine´  

`M.I. Nheem Alysm´  

`Sound Voice Perform´  

`Homo Volans´ // `Something´  

`Untlited Songs´  

`Eight Thrushes In New York´  

`My Dear Siegfried´  

`Greed´  

`Face The Music / Respect Your Nightmares´ // `Oil Tasters´  

`Holding Patterns´  

`I Segnali della Ritirata´  

`Sylissain Oot´ // `Hyppy Tunti´  

`Istmo´ // `Atami´  

`Just One Night´ // `Atlas saltA (map lies, border lies…)´  

`Campfire Songs´  

`An Incomplete Guide To Vorpal Music´ // `Jättiläisrotta´  

`Ten cases of human aberration´  

`Music for fragments from the inside´  

`Morte a 33 giri´  

`Inaudito´  

`Pro Agonist´  

`Degenerate´  

`Labo MTL´ // `Two Ships´ // `On The Verge Of Redundance´ // `Soffuse Tragedy´  

`Wahrnehmungen 1980-1981´  

`Insular Regions´  

`Yhä Hämärää´  

`Uccellacci´  

`Tonkori´  

`Live At The Kerava Jazz Festival´  

`electroniX´  

`Incisione´ // `La quinta essenza della mediocrità´  

`Here Are Your New Instructions´ // `Hotel Dilettante´  

`L’amitié ou les rumeurs insoutenables du désir´ // `Et ses apparitions´ // `Par noussss touss les trous de vos cranes!´  

`Dream Time´  

`Hednod Sessions´ // `Jesu´  

`Oder Delias Or Butterflies´