`Θεόδωρος´

Autore disco:

Beata Hlavenková

Etichetta:

Minority Records (CZ)

Link:

beatahlavenkova.com/
www.minorityrecords.com
www.animalmusic.cz

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Ιανουάριος 2) Φεβρουάριος 3) Μάρτιος 4) Απρίλιος 5) Μάιος 6) Ιούνιος 7) Ιούλιος 8) Αύγουστος 9) Σεπτέμβριος 10) Οκτώβριος 11) Νοέμβριος 12) Δεκέμβριος

Durata:

38:30

Con:

Beata Hlavenková

un calendario in musica

x Ortensia Fiore (no ©)

Sono lieta di presentarvi questa raffinata pianista jazz ceka che pur calcando le scene da molto tempo, seppur sia poco conosciuta alle nostre latitudini, solo ora taglia il traguardo del disco solista.
I 12 brani sono dedicati ai mesi dell’anno, e sono intitolati in greco come pure l’intero LP, che però potete trovare riportato nei punti vendita di internet e nei siti delle etichette come “Theodoros”.
Beata the dripper, così la voglio chiamare per uno stile che sembra stillare le note dalla tastiera come fossero gocce - di pioggia, di colore, di rugiada… - e mi fa pensare al Pollock che sgocciola i colori, anche se nella sua azione non c’è mai violenza, neanche nei momenti più frenetici, ma solo grazia. Questo vale sia quando utilizza un solo pianoforte sia quando stratifica in sopraincisione il suono di più pianoforti. La Hlavenková prende linfa vitale dalla tradizione del pianismo jazz bianco, e il nome di Bill Evans in questi casi è d’obbligo, ma anche dal pianismo classico dell’est europeo. “Θεόδωρος” sta infatti in mezzo alle polacche di Chopin, all’aria aperta di Bartók e ai quadri di Musorgskij, vista la sua inclinazione a mostrare in superficie arie tipiche del folklore popolare. Talvolta pacata talaltra inquieta, questa musica sta in bilico fra giorno e notte, fra dentro e fuori, fra interiore ed esteriore, fra campagna e città, fra moderno e antico, con i suoi cambi risoluti in grado di tenere sempre in sospeso l’attenzione, di richiamare all'ordine l’ascoltatore ben prima che possa distrarsi.
Notevole la confezione, con all’interno un calendario corredato dalle bellissime foto di Johana Pošová, una per mese.
Il disco era precedentemente stato pubblicato in CD dall’etichetta jazz indipendente Animal Music.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/2/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´