`Ranch´

Autore disco:

Rinus Van Alebeek

Etichetta:

Lonktaar (I)

Link:

rinusvanalebeek.com/
lonktaar.blogspot.it/2014/10/lonktaar37.html
staalplaat.com/recording/ranch

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Ranch

Durata:

35:00 ca

Con:

Rinus Van Alebeek

ritorno al futur(ismo)

x Telemaco Grieco (no ©)

È una vita che Rinus Van Alebeek manipola i nastrini, per cui il ritorno massiccio a questo tipo di produzioni lo coglie felice ma non confuso, addirittura preparatissimo. “Ranch” contiene un reportage sonoro ottenuto dal missaggio di varie registrazioni effettuate durante una sua permanenza californiana. Si tratta di voci e suoni carpiti a trasmissioni radiofoniche, a fenomeni atmosferici e all’humus ambientale più in generale. Così Rinus disegna uno spaccato reale di California, seppure visto con i suoi occhi, o meglio con le sue orecchie, e infine interpretato dalla sua sensibilità. Con “Ranch” l'autore sembra dirci che la realtà non esiste, alla faccia di quelle stronzate che sono i reality televisivi, ma esiste solo una sua lettura ed esposizione che varia da interprete a interprete. Pubblicato inizialmente in 20 copie, contenenti differenti missaggi degli stessi materiali, in “Ranch” si arriva addirittura a insinuare che il medesimo interprete può offrire letture diverse di una stessa realtà. Direi che in fondo questi sono gli stessi meccanismi che permettono al racket dell’informazione di falsificare le notizie pur senza dire nulla di sostanzialmente non vero.
Rinus insiste nel suo ruolo di doppiogiochista dichiarandosi un non musicista, ma è un bluff spudorato dacché Ranch ha tutte le caratteristiche della composizione musicale.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 25/10/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´