`Venezia non esiste´

Autore disco:

Nazeem & Patrizio Ligabue

Etichetta:

Autoproduzione (I)

Link:

www.patrizioligabue.it

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Meiktila Loop 2) The Perfect Funeral Song (armonic version) 3) Continuum

Durata:

55:05

Con:

Nazim Comunale, Patrizio Ligabue, Yuri Degola, Martino Pompili, Ulisse Tramalloni

progressive esotico ed esoterico

x Paolo Gini (no ©)

Questo disco è il frutto dell’incontro fra Patrizio Ligabue e Nazim Comunale. Ligabue, ancor prima che musicista (lui stesso si definisce come un «produttore di armonici»), è un viaggiatore – esploratore legato a uno stile «outdoor & wild», protagonista di tragitti in terre inospitali, oltreché appassionato di culture popolari (soprattutto quelle relative ai grandi spazi del nord, all’Africa e all’estremo oriente) e studioso sia di canto difonico sia di strumenti non occidentali come il didjeridoo, la koncovka, la fujara e la dan-moi. Comunale è invece un polistrumentista - jazzista che abbiamo già avuto occasione di conoscere (vedi la recensione di “Hidden Or Just Gone” dei Caboto). Il pezzo forte del disco, Meiktila Loop, vede in azione soltanto i due titolari ed è un lungo mantra, dai caratteri esotici ed esoterici, nel quale si miscelano suoni acustici e suoni elettronici e che può ricordare la saghe dei Dead Can Dance in rotta di collisione con Biosphere.
Nel secondo brano emerge invece con un certo predominio la vena progressive di Nazeem, con ingresso di una potente struttura ritmica – il basso di Degola, la chitarra di Pompili e la batteria di Tramalloni – mentre il flauto e le tastiere rompono quell’equilibrio con le voci creato nel brano precedente, e un poco di magia finisce per andare persa.
È ancora il flauto a dettare legge in Continuum, saga boschiva per fauni e/o anticamera preparatoria per riti dionisiaci.
“Venezia non esiste” è un disco riuscito che centra i propri obiettivi, anche se non riesco a consigliarlo spassionatamente ai lettori a causa di una eccessiva magnificenza e a un modello meditativo che non mi appartiene. Inoltre, di fronte a questi dischi, non riesco mai a togliermi dalla testa l’idea dell’immagine da cartolina, non autentica al 100%. Una mia impressione, certo, che magari non corrisponde alla realtà. Di una bella cartolina, comunque, si tratta.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 19/5/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´