`Blu´

Autore disco:

Morgan con la I

Etichetta:

FioriRari (I)

Link:

www.fiorirari.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Anni ‘80 2) Dieci anni 3) La melatonina 4) A metà strada 5) Tutti i rumori del mondo 6) Una cosa tra i denti 7) Erasmus 8) My Sweetest Boy 9) Resistere al tempo 10) La stanza 11) Les Passants 12) La tregua

Durata:

36:54

Con:

Morgan Colaianni, Chiara Monaldi, Alessandro Cardinale, Giacomo Nardelli, Paolo Volpini, Francesco Fomi, Andrea Macko, Ambra Chiara Michelangeli, Jacopo Mosesso, Giuseppe Gentile

non tutto fila liscio, ma il giudizio è comunque positivo

x Barbara Bloch (no ©)

Morgan con la I! Che nome, penserà il lettore. Ma dal momento che a tutto c’è un perché, ho l’impressione che vada inteso come (I) Morgan al fine da non fare confusione con (il) Morgan telecomandato.
Il comunicato stampa parla di «dodici tracce che raccontano la Roma dei nostri giorni, fatta di tram in ritardo e tramonti senza tempo, vissuta da una generazione costantemente in bilico tra precarietà e sogni. Blu è uno stato d’animo, un mare in cui il disco naviga, alternando a momenti di malinconia, guizzi di frizzante allegria, strizzando l’occhio alla canzone d’autore italiana e al sound di un certo pop internazionale». Confermo, e a proposito dei testi annoto una vera ossessione per dentisti e dentature. Quanto alla tradizione cantautorale ci trovo soprattutto De Gregori e il Battiato più easy. La delicatezza e la cura degli arrangiamenti rimandano alla musica pop, laddove i sassofoni di Alessandro Cardinale e il vibrafono o i break di Paolo Volpini fanno molto jazzy. Un altro aspetto, derivato da una certa tradizione pop/rock, riguarda il binomio del cantato maschile (Morgan Colaianni) / femminile (Chiara Monaldi). Le voci suonano però impersonali e timbricamente povere (e, purtroppo, non tutti sono Nick Drake). La totalità brani sono cantati, tranne il breve intermezzo La stanza, e sono firmati dai componenti del gruppo, in particolare da Morgan Colaianni, ad esclusione di Les Passants (He! He! Ci siete cascati come me? No, non si tratta della nota canzone di Brassens, quella era Les Passantes, ma di un recente successo della francese Zaz).
Il titolo, “Blu”, fa pensare a qualcosa di notturno e melanconico ma, in realtà, se notte deve essere si tratta di notte rosa o bianca. Comunque sia, molto meglio I Morgan di qualsiasi inutile cover band di cacca.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/11/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´