`TH_X´

Autore disco:

Daniel Lercher & Henrik Munkeby Nørstebø

Etichetta:

Chmafu Nocords (A)

Link:

www.nocords.net
www.henriknorstebo.com
lercher.klingt.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) A 2) B 3) C 4) D 5) E

Durata:

35:32

Con:

Daniel Lercher, Henrik Munkeby Nørstebø

empatie austro-norvegesi

x Nice Deiana (no ©)

Austria e Norvegia, paesi marginali nella geografia politica e in quella economica, rappresentano due punti nevralgici nella sperimentazione sonora degli ultimi decenni, pensate soltanto a due marchi discografici importanti quali sono stati, e sono, Mego e Rune Grammofon. Così questa collaborazione fra il manipolatore elettronico austriaco Daniel Lercher e il trombonista norvegese Henrik Munkeby Nørstebø appare non solo naturale e logica, ma quasi necessaria. Nei sei brani di “TH_X”, emblematicamente privi di titolo, si indaga l’empatia fra il suono delle sinewaves e quello del trombone, ma anche l’elaborazione elettronica dei suoni emessi da quest’ultimo. Quasi sempre le emissioni sono lunghe e continue e vanno a definire tessiture piuttosto inquietanti. Il terzo brano è il più mosso e frantumato, con fastidiose bande di rumore ad accidentarne il percorso. Seguono una specie di dark ambient industriale e, a chiusura, una serie di brontolii che sembrano provenire da un grosso felino cavernicolo. I primi due brani sono i più delicatamente sottili, seppure la voce roca del trombone trovi sempre qualche varco per eludere le grinfie dei guardiani sintetici. “TH_X” è un esperimento sostanzialmente riuscito di fusione fra suono naturale e suono sintetico e il lettore interessato a questo tipo di musiche - fra improvvisazione elettroacustica, sperimentazione elettronica e composizione contemporanea - può andare sul sicuro.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 13/5/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´