`17 Clips´

Autore disco:

Florian Wittenburg

Etichetta:

NurNichtNur (D)

Link:

www.nurnichtnur.com
www.floriawittenburg.com
www.lownorth.nl/

Email:

Formato:

CD + DVD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) 1st patch for Steve Reich 2) Für Alina 3) 17 Clips 4) Für Alina 5) 2nd patch for Steve Reich / 1) 17 Clips

Durata:

61:30 + 20:25

Con:

Florian Wittenburg, Daniela Grenz, Burkart Zeller, Marcel Wierckx

moderno e contemporaneo

x Primo Sedici (no ©)

Su questa no-zine non s’erano trattati proprio bene i precedenti CD di questo compositore teutonico che, comunque, continua a inviarci le proprie produzioni, invitandoci così a rivedere i nostri giudizi, se non sulle precedenti produzioni, sulle sue indubbie qualità compositive.
Questo “17 Clips”, pur permanendo fra le sue pieghe quella glacialità tipicamente nordica, si lascia apprezzare sotto vari aspetti.
Innanzi a tutto c’è il DVD creato in collaborazione con il video-artista canadese Marcel Wierckx.
Per quanto ho capito 17 Clips, diciassette frammenti che funzionano come altrettanti videoclip, hanno origine in un lavoro per la radio fatto in collaborazione con Stephan Froleyks (un altro compositore tedesco). Nell’occasione Froleyks compose venti frammenti sonori per fisarmonica e violoncello che definì clips a causa della loro connotazione, usando però solo alcuni di essi, e così Wittenburg ne ha ripreso e rielaborato una buona parte mantenendo comunque inalterata la loro natura di ‘clips’. I suoni del violoncello di Daniela Grenz e della fisarmonica di Burkart Zeller (così sono riportati nelle note di copertina, ma ho idea che queste siano errate e i due vadano scambiati di ruolo).... comunque sia i suoni di fisarmonica e violoncello vengono trattati elettronicamente dallo stesso Wittenburg e l’effetto è quello di glissando che si inseguono e/o sovrappongono. Le immagini disegnate elettronicamente da Wierckx creano il contraltare perfetto attraverso un loro dinamismo dovuto ai continui mutamenti delle tonalità (dal bianco / luce al nero / buio) e delle forme (linee, figure geometriche, reticoli…), ai movimenti orizzontali, verticali o circolari delle ultime e, infine, agli effetti di profondità. L’impatto con il video è comunque straniante, è come se giochi di forme e luce scorressero in rapidità durante un viaggio (magari spaziale) fatto ad altissime velocità.
17 Clips, naturalmente, è presente anche nel CD in una variante esclusivamente audio. A fare da contorno ci sono due versioni di Für Alina, un brano di Arvo Pärt, suonato da Wittenburg al vibrafono.
Infine, all’inizio e in chiusura, stanno in bella mostra i due ‘patch’ per Steve Reich, ispirati alla tecnica del phasing e a lavori come Drumming. I due brani sono suonati dall’autore su strumenti idiofoni, marimba nel primo e vibrafono nel secondo, con manipolazione elettronica dei suoni. Il modello è chiaramente quello minimalista reichiano, con caratteristiche circolari e ripetitive, e un piccolo motivo di ulteriore interesse è rappresentato dal confronto fra i due strumenti utilizzati, simili per struttura e caratteristiche ma estremamente diversi per costituzione (la marimba è in legno e il vibrafono è in metallo).


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/3/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´