`La via della salute´

Autore disco:

Fedora Saura

Etichetta:

Pulver & Asche Records (CH)

Link:

www.pulverundasche.com
www.youtube.com/watch?v=kQQfiYmyGVI

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Peso / Mondo (della civiltà civetta) 2) In verità vi dico 3) Soma pneumatico 4) La natura (l’uomo per primo) 5) Tenete buoni quei cani 6) Ex Europa Samba I II III (Est Euroba Sampa Xigareta): I. Herh/Thrh, II. Ex Europa Samba, III. Bagattella 7) Continentale (artista visiva)

Durata:

28:43

Con:

Marko Miladinovic, Zeno Maspoli, Giovanni Cantani, Marco Guglielmetti, Claudio Büchler, Guido Rolando (Giubbonsky), Sandra Ranisavljevic

buone nuove dalla svizzera italiana

x Mario Onlus (no ©)

Su “YouTube” c’è una breve intervista a Marko Miladinovic e Zeno Maspoli che può farvi capire la natura del loro duo letterario-musicale, al secolo Fedora Saura, molto meglio di quanto possono farlo mille parole del sottoscritto. È anche per questo motivo che nel recensire questo loro secondo disco mi baserò essenzialmente su quell’intervista dove, per iniziare, si viene a conoscenza che il nome Fedora Saura è preso da una cavalla storna vincitrice ben tre volte, su otto corse disputate, al Palio di Siena (nell’Agosto del 2009 non venne selezionata a causa della sua presunta superiorità nei confronti degli altri cavalli, da Wikipedia).
Il duo nasce «analmente da una suora europea» come entità dedita a una forma di teatro musicale che colletta arti letterarie (i testi e la voce di Miladinovic) e musica (la chitarra dello stesso e la batteria di Maspoli). È così che la più azzeccata fotografia mi pare quella flashata da loro stessi quando si definiscono come uno scontro tra Modugno e gli Shellac.
Il lato letterario cita Céline, Nietzsche, Eliot, Pound, Deleuze e Joyce, tra gli altri, mentre dal punto di vista teatral-musicale si cade inevitabilmente in braccio a Giorgio Gaber, Carmelo Bene e Petrolini.
Personalmente riesco a captare anche qualcosa di Stratos, e poi tanto funk e altre influenze mutuate dalla musica nera.
Comunque sia si tratta realmente di uno scontro: da una parte l’antipatia di una voce (forse) eccessivamente impostata e di testi che, lontani da ogni forma di populismo, scavano impietosamente dentro le viscere dell’ascoltatore, e dall’altra un contraltare musicale che rimane sempre piuttosto godibile, soprattutto in questo disco dove la scarna formula iniziale è andata a rinvigorirsi per la presenza di nuovi adepti e, in un brano, dell’ospite Giubbonsky ai sassofoni tenore e contralto.
La strada per portarsi sui livelli degli illustri esempi citati è lunga e difficile ma le basi necessarie per raggiungere tali ambiziosi obiettivi ci sono tutte.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/12/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´