`David´

Autore disco:

Airportman

Etichetta:

Lizard (I)

Link:

www.lizard.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1 - 6) senza titolo

Durata:

Con:

Giovanni Risso, Paolo Bergese, Marco Lamberti, Giacomo Oro, Francesco Alloa

sempre più nel buio, sempre più grandi

x Matteo Uggeri

Recensisco pochissimi dischi ormai, ma gli Airportman sono tra quei gruppi cui sento come un dovere dare voce attraverso la stampa alla quale mi affaccio qui su SandS. Questo perché la loro proposta musicale, dotata di uno stile riconoscibile ma sempre coraggiosamente mutevole, sarebbe degna di molta più fama di quella che il gruppo piemontese, ormai attivo da tanti anni, raccoglie.
Questo “David” è ancora un concept album, così come lo sono stati quasi tutti gli ultimi lavori, sempre contrassegnati da un fil rouge di poesia che guida la musica strumentale che questi coraggiosi artisti perseverano nel fare. Colpisce soprattutto la scelta operata in termini di mixaggio, con le chitarre per lo più sullo sfondo, riverberate, allontanate ma sempre presenti, assieme al piano, a fornire un’impalcatura melodica di malinconia struggente e a volte soffocante, laddove invece è soprattutto la batteria e portarsi in primo piano. Bellissimo anche l’uso delle voci che, sullo sfondo anch’esse e sempre prive di parole, ma solo usate come soffi, cori lontani, impreziosiscono un lavoro difficile ma che forse può trovare parecchi fan tra i darkettoni prima maniera. Prendete un pezzo come “4” e vi aspetterete di sentir arrivare la voce di Robert Smith da un momento all’altro tanto le atmosfere ricordino uno dei loro capolavori degli anni ‘90: “Disintegration”. Credo non occorra aggiungere altro, se non una solita nota parzialmente negativa che riguarda la produzione: le belle grafiche con illustrazioni di Chiara Dattola, avrebbero meritato una stampa su supporto più ‘ricco’ (qui invece cascano su un digifile in cartoncino semplice) e le musiche, almeno nella copia in mio possesso, soffrono di ‘gap’ di un paio di secondi tra una traccia e l’altra, sebbene sia chiaro che il lavoro sia pensato per non avere soluzione di continuità dall’inizio alla fine.
Resta però un disco splendido.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/8/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´