`Fuori´

Autore disco:

St.ride

Etichetta:

Niente Records (I)

Link:

Formato:

2 x CD-R

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) Non mi importa niente 2) Son le puttane la donne migliori 3) Lavorare mai più 4) Galleggiare 5) Bianco 6) Arrivo 7) L'altra dimensione 8) Quasi mai 9) Capìto? / 1) Guarda crescere la pianta 2) Occhi a losanga e solo 4 paesaggi 3) Andrà tutto bene 4) Un nuovo tipo di bellezza 5) Sei quasi peggio degli umani 6) Bandierine

Durata:

42:43 / 39:23

Con:

Spietata intelligenza al servizio del più lucido malessere

x Matteo Uggeri

Caro Maurizio, grazie per il
disco che mi hai mandato. Temevo che dopo i miei severi e a te sgraditi giudizi su "Conquistare il mondo" non avrei più avuto in dono le vostre opere. My Dear Killer mi aveva detto che quando vi siete visti era in preparazione addirittura un doppio, e avevo appreso con gioia la notizia che eri tornato a cantare, come per "Tutto va bene", che dopo l'ormai accantonata delicatezza di "Piume che cadono" è il mio preferito. O meglio: era. Adesso questo "Fuori" mi ha rabbuiato d'immenso, come t'ho scritto adolescenzialmente su Facebook. Fa un male cane 'sto disco, a partire dalla prima, geniale traccia. Cioè: all'inizio mi ha fatto pure sorridere, magari ridere, perché sentirti cantare in serie 'Non mi importa niente di uscire con gli amici, non mi importa niente di andare a bere assieme, non mi importa niente di regalare i fiori, di scrivere canzoni, non mi importa niente della figa' ha riportato alla mente il mitico "te regghe più" di Rino Gaetano. Però è come se la vostra versione fosse non dico priva di ironia, ma fin troppo vera, fisica, concreta. A volte mi chiedo se state male davvero. So che è un pensiero idiota, la frase dell'ignorante che ascolta per la prima volta musica del genere e dice 'oh, ma quanto cazzo stanno male questi?', però nel mio caso mi si rivolge contro, tipo 'oh, ma quanto cazzo sto male io?'.
Le vostre canzoni, perché canzoni sono, mi fanno 'sto effetto. Davvero, i testi sono geniali. Nessuna metafora, solo la realtà di un fin troppo lucido sguardo sul mondo e sull'effetto che questo fa sul proprio animo, se di animo si può parlare. Cazzo cosa mi piacerebbe vedervi a San Remo. Ma ci pensi? Tu che canti "Non voglio più lavorare" (capolavoro TOTALE) con Edo inespressivo di fianco a te sulle macchine e il maestro Vessicchio che sullo sfondo finge di dirigere l'orchestra.
Tra l'altro, quasi mi scoccia me devo proprio fare i complimenti a te e a Edo... nel senso che tu canti bene, e che i suoni e le ritmiche sono davvero ben fatti, un incrocio inimmaginabile tra gli Autechre dell'ultima ora, gli Swans della prima e - appunto - il cantautorato 'intelliggente' italiano, da Gaber a Ferretti al rap romano.
Meglio se mi fermo qui, se no poi 'sta volta anziché prendertela perché dico che il packaging fa cagare (questa va un po' meglio: posso affermare dall'alto della mia spocchia di designer milanese che la foto di voi due mi fa tanto Francis Bacon) mi accusate di piaggeria, invece i miei sono complimenti sinceri.

La chiudo qui dunque, sperando magari di riuscire a ribeccarci prima o poi, ché da quando non c'è più il Tagofest le occasioni scarseggiano. Cercate di venire a suonare da 'ste parti, sarebbe bello. O terrificante, almeno per il pubblico.

Un abbraccio,
Teo


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/2/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´