`Waschmaschine´

Autore disco:

R-11

Etichetta:

Lizard Records, Hysm?, Moving Records (I)

Link:

www.lizardrecords.it
www.haveyousaidmidi.blogspot.it
www.movingrecords.it

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2014

Titoli:

1) 106 2) Waschmaschine 3) Le commissaire 4) Fame 5) Boaga 6) Black Rondò pt. 1 7) Black Rondò pt. 2 8) Zen 9) Slow F.

Durata:

40:01

Con:

Michele Della Malva, Roberto Reggiani, Andrea Silvestri

un ingranaggio senza ruggine

x Sauro Dini (no ©)

Questo power trio è nato sulle ceneri di una formazione precedente che aveva il sax al posto della chitarra. Il jazz che cede il testimone al rock, viene da pensare, anche se elementi del secondo erano già presenti prima dell’esplosione, tiro a indovinare, mentre schegge del primo si sono ben piantate nel corpo di questa nuova creatura. La musica è infatti un rock-jazz elettrico, strumentale e geometrico, che preferisce però le figure circolari a quelle angolari ed è propenso a una notevole libertà armonica. Sostenuto, energico e tecnico, il terzetto fa pensare a un connubio fra i King Crimson di “Lark’s Tongues … “ e la Mahavishnu Orchestra di “ … Inner Mounting … “. Gruppo neo-progressive quasi in piena regola, quindi, R-11 è un meccanismo che appare oliato al punto giusto, e i suoi ingranaggi incastrano alla perfezione senza segni di ruggine e/o inceppamenti. Nulla da eccepire seppure, personalmente, preferirei lavaggi meno accurati, qualche centrifuga in più e, soprattutto, più sangue e meno vasi sanguigni. E attenzione, comunque, perché come diceva un certo Neil Young «rust never sleeps», basta una piccola incrostazione e il dispositivo va in panne.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/12/2015
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2015 ...

`Tangeri´  

`Hyaena Reading in concerto – Viterbo 14 Marzo 2014´  

`Hipsters Gone Ballistic´  

`Θεόδωρος´  

`Fuori´  

`Super Human´  

`Road Works´  

`Man Overboard´  

`About Farewell´  

`17 Clips´  

`The Space Lady’s Greatest Hits´  

`4 Corners´  

`Entomologia´ // `Peyrano´  

`Kopfüberwelle´  

`Etude Begone Badum´ // `Bone Alphabet´  

`Esco un attimo´  

`You Wait To Publish´  

`In Case We’ll Meet´ // `LEM´  

`Quellgeister #1´  

`Birch´  

`Due´  

`Nothing Changes No One Can Change Anything, I Am Ever-Changing Only You Can Change Yourself´  

`Reuze Reuze´  

`Goodmorning Utopia´  

`Lingue di fuoco´  

`Automitoantologia (1983-2013) – 30 anni di ritagli, rarità e inediti´  

`Era una gioia appiccare il fuoco´  

`Canzoni in silenzio´  

`Pinarella Blues´  

`Miserabilandia´  

`Hoe Alles Oplost´  

`Matter´ // `Folklor Invalid´  

`The Cold Summer Of The Dead´  

`And The Cowgirls Kept On Dancing´ // `Rotations´  

`Exploding Views´  

`TH_X´  

`Solo Flutes´  

`L’arte della fuga´  

`Venezia non esiste´  

`Tape Crash #8´ // `Version d’un ouvrage traduit´  

`Cagna schiumante´  

`Lottoventisette´  

`in BLOOM´  

`More Lovely And More Temperate´  

`карлицы сюита´  

`Monktronik´  

`Lo gnomo e lo gnu´  

`Zen Crust´  

`The Calendar´  

`Seven Songs For A Disaster´ // `Keep Your Hands Free´  

`(Per la) Via di casa´  

`Dannato´  

`Artists´  

`The Seven Inch Series Vol. 1´ // `The Seven Inch Series Vol. 2´ // `The Seven Inch Series Vol. 3´  

`मेम वेर्म [mema verma]´  

`Scimmie´  

`David´  

`Obsession´ // `Guns of Brixton´  

`Lasting Ephemerals´ // `Don Kixote´ // `Moon´  

`The Cost Of Service´ // `CaseMatte / коробочка для пилюль´ // `Threatening Fragments From Four Boulders´  

`nu.it´  

`Come in cielo così in terra´  

`Elementer´ // `Primitive Future´  

`La Chambre Des Jeux Sonores´  

`In God We Trust´  

`Peripheral´  

`Exagéré!´  

`Coro Corridore con Megafoni´  

`Perfect Laughter´  

`Tsuru No Sugomori´  

`Dasein´  

`Ranch´  

`Apocalypse Town´  

`Jarboe / Helen Money´  

`La via della salute´  

`Tape Crash #11: The Examination´  

`Blu´  

`Waschmaschine´