`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´

Autore disco:

Roby Glod, Roberta Piket, Mark Tokar & Klaus Kugel // Cactus Truck

Etichetta:

NEMU Records (D) // Eh? / Tractata Records (USA)

Link:

www.nemu-records.com
www.opderschmelz.lu
www.cactustruck.com
www.publiceyesore.com
www.toondist.nl

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Dredger Of Pig Rolls 2) Lviv 3) Budmo, Hay! 4) Nazar 5) Op Der Schmelz 6) Still Alive // 1) Prairie Oyster 2) Seans Gone 3) Hot Brown 4) The Twerk 5) Magnum Eyebrow 6) Wedding Present (sorry Erin) 7) Ninja

Durata:

65:19 // 71:44

Con:

Roby Glod, Roberta Piket, Mark Tokar, Klaus Kugel // Jasper Stadhouders, Onno Govaert, John Dikeman, Jeb Bishop, Roy Campbell

del buon jazz

x e. g. (no ©)

Alcuni punti in comune, due dischi registrati in concerto da ensemble a larga maggioranza europea e di estrazione jazz, hanno stimolato l’idea di questa recensione cumulativa.
Ciononostante, stanno nelle differenze gli elementi di maggiore interesse.
“Op Der Schmelz Live” è stato registrato in un Centro Culturale di quello che, per posizione e forma geografica, può essere considerato il cuore dell’Europa, cioè il Lussemburgo (esattamente a Dudelange nel sud del paese).
“Cactus Truck Live In USA” è stato registrato in un triangolo situato nell’ovest degli Stati Uniti (Wilmington, Louisville e New York City).
Il quartetto guidato dal batterista tedesco Klaus Kugel ha un carattere multinazionale, essendo completato dal sassofonista lussemburghese Roby Glod, dal contrabbassista ucraino Mark Tokar e dalla pianista newyorkese Roberta Piket.
I Cactus Truck sono invece un trio olandese (Jasper Stadhouders a chitarra e basso elettrici, Onno Govaert alla batteria e John Dikeman ai sassofoni, quest’ultimo vive ad Amsterdam ma è d’origine statunitense) che in occasione del tour americano ha avuto come ospiti, in alcune situazioni separate, il trombonista Jeb Bishop e il trombettista Roy Campbell.
Le radici di entrambe le formazioni stanno nella New Thing e nei movimenti che ne sono derivati. Il quartetto Glod / Piket / Tokar / Kugel, però, presenta una struttura più tradizionalmente hard bop, tanto che un innovatore come Anthony Braxton utilizzò la stessa formula a quattro per i suoi dischi “In The Tradition” pubblicati a metà degli anni ’70. Le singole posizioni sono però più avanzate, tanto che la pianista fa pensare in varie occasioni a Cecil Taylor e il sassofonista a Steve Lacy, e ne esce una musica in bilico fra ricerca e rispetto delle radici per un disco che potrebbe essere stato benissimo registrato al Five Spot Cafe qualche lustro dopo che Monk e Dolphy vi avevano fatto base. Quello del quartetto è un jazz sobrio ed elegante, e privo di eccessi, decisamente ben suonato sia negli incastri sia quando gli strumentisti si spingono negli a solo.
Il trio olandese ha basi, più che nel jazz, nel punk e nel rock in generale. Ne è prova una musica verbalmente aggressiva, brötzmaniana, che fa del muro corale il suo punto di forza. La stessa formazione sembra negare legami troppo stretti con la tradizione afro-americana. Va comunque detto della buona predisposizione dei musicisti e di una qualità che si livella al di sopra della media.
Ma c’è anche da osservare che oggi simili dischi non possiedono certo né la forza dirompente degli Ayler e dei Coltrane, né lo spirito avveniristico dei Braxton e dei Mitchell, e neppure la follia dissacratoria dei Brötzmann e dei Bennink.
Se ho ben capito la predisposizione di coloro che ci leggono, m’è difficile consigliare l’acquisto dell’uno o dell’altro CD. Ma se uno dei due gruppi vi capita a tiro andate a vederlo, questo sì, che il divertimento dovrebbe essere assicurato.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/1/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´