`Give No Quarter´

Autore disco:

Baars, Kneer & Elgart

Etichetta:

Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Anacrusis 2) Eurus 3) Give No Quarter 4) Zephyrus 5) Late Preamble 6) Song For Our Predecessors 7) Specific Gravity 8) Notus 9) Logical Consistency 10) Tale Of The Bewildered Bee 11) Complementary Progress 12) Fundamental Ambush 13) Boreas

Durata:

63:22

Con:

Ab Baars, Meinrad Kneer, Bill Elgart

una grande lezione di storia (e non solo)

x Costante Berciu (no ©)

Fa subito pensare alle classiche formazioni in trio di Rollins e Ayler, questo disco, e il secondo viene addirittura evocato apertamente quando Baars si impegna al sax tenore. Pezzi come Anacrusis e Give No Quarter, seppure non abbiano quella forza evocativa e la materia sonora sia più frammentata, non possono che far pensare all’Albert Ayler Trio (quello con Gary Peakock e Sunny Murray). È poi sempre Ayler a far capolino nella marcia funebre Song For Our Predecessors e nella lamentazione Tale Of The Bewildered Bee. Un altro collegamento con il sassofonista afroamericano sta nella presenza del batterista Bill Elgart, uomo di punta del jazz statunitense d’annata, che a suo tempo ha fatto accoppiata ritmica proprio con Gary Peacock.
Altrove, quando Baars impugna il clarinetto, è invece il profondo lirismo di Steve Lacy che fa occhiolino da bordo campo.
Se fosse tutto qui plauderei alla grande lezione di storia, razionalmente molto coinvolgente, ma il CD offre anche qualcosa di più.
Robe come Zephyrus e Boreas, con Baars impegnato al flauto giapponese di bambù (shakuhachi), coinvolgono anche emotivamente con le loro atmosfere notturne ‘zeppe’ di paraconcretismi da quarto mondo.
Infine c’è Eurus, gemma incastonata nel tempo, con le atmosfere dilatate, i suoni lunghi e il fraseggio ridotto ai minimi termini, dove le linee melodiche sembrano seguire percorsi propri per intersecarsi armonicamente, secondo un concetto armolodico tipicamente colemaniano ancora difficile da comprendere (probabilmente lo stesso Ornette Coleman non l'ha mai compreso appieno). Potevano intitolarla Song For Our Successors e non avrebbe fatto una piega.
Un’osservazione out per chi come me vede nei Paesi Bassi una sorta di Terra del Bengodi per l’improvvisazione: se un disco simile, registrato in studio nell’Ottobre 2011, ha dovuto fare un’anticamera di ben 2 anni, nonostante la garanzia rappresentata da un nome ormai affermato qual è Ab Baars, vuol dire che anche da quelle parti inizia ad esserci qualche problemino.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/5/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´