`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´

Autore disco:

Arve Henriksen & Teun Verbruggen // The Bureau of Atomic Tourism

Etichetta:

Rat Records (B)

Link:

www.ratrecords.biz/
www.teunverbruggen.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2012 // 2013

Titoli:

1) AHOB 1 2) Fridge Detective B. 3) Site Q1/B 4) Boxgrove Home Page 5) Fresh Air Inspector 6) Black Swan (for Allowin) 7) Bryggen 8) Sweet Marrowbone 9) Babyflock N. 10) Orange 11) Mystery // 1) Corollaries of the decay laws 2) BooBeeBooBeeBee 3) Morthana part 1 4) Morthana Part 2 5) X= -1/ (Ω (E)) ∑y Y Ωy(E) 6) Meg Nem Sa 7) Law of Entropy

Durata:

39:44 // 59:30

Con:

Arve Henriksen, Teun Verbruggen // Andrew d'Angelo, Nate Wooley, Marc Ducret, Trevor Dunn, Jozef Dumoulin, Teun Verbruggen

giazz moderno per gente moderna

x Ortensio Marchese (no ©)

Liberate la fantasia e pensate a uno spazio triangolare che abbia per angoli Eric Dolphy, Radian e MoHa!... come dire: libertà armonica, ricerca timbrica, utilizzo spregiudicato delle possibilità offerte dalla tecnologia e buona predisposizione ad attraversare suonando stili e generi musicali.
È in questo spazio arcano che, intorno a un fulcro rappresentato dal batterista belga Teun Verbruggen, hanno preso casa entità di calibro superiore come il duo con Arve Henriksen o l’ensemble The Bureau of Atomic Tourism.
A tal proposito potrei scrivere «Pure jazz for Now People», riprendendo un concetto di Nick Lowe, dacché credo decisamente in quanto sostenuto a suo tempo dal batterista Mirko Sabatini: «…credo che il jazz non stia in uno stile o in un linguaggio ma nella perpetuazione della rivoluzione che per esempio dai primi passi di New Orleans ha portato allo swing, da questo al be bop e così via…».
Teun Verbruggen, praticamente sconosciuto in Italia, è un elemento di punta del jazz belga, ma sarebbe meglio dire del jazz europeo, e per rendersene conto basta mettere l’occhio sui musicisti coinvolti in questi due strabilianti progetti. Il batterista, non bastasse, ha all’attivo anche la gestione della deliziosa Rat Records, già ricca di un considerevole catalogo.
La formula snella di “Black Swan”, tromba e batteria, propone una miscela di melodie e rumori, con trattamenti elettronici a rendere il suono estremamente moderno. Il trombettista dei Supersilent fa la spola fra il deep-sound di Jon Hassell e klezmerismi alla Dave Douglas, con l’ombra di Miles Davis sempre presente sullo sfondo. Il batterista, di ‘contrappunto’, non sembra tanto interessato a marcare un ritmo quanto a tessere un dialogo con il collega, melodicamente più dotato a causa delle indubbie doti naturali della tromba. Di conseguenza, attraverso cembali e tamburi, parla, bofonchia, borbotta, sospira, sputacchia, grida e geme, seguendo l’onda del respiro. “Black Swan”, non so quali sono né se esistono riferimenti al film di Darren Aronofsky, è un piccolo gioiellino di jazz moderno e gli amanti del genere non dovrebbero lasciarselo sfuggire.
“Second Law of Thermodynamics” ha, forse, un’impostazione più classica, a dispetto di una formula poco ortodossa a base di ance, tromba, chitarra, chitarra basso, pianoforte elettrico (che a tratti apporta un mood da jazz elettrico settantino), batteria ed effetti elettronici. Nonostante il concentrato di talenti, oltretutto segnati da una provenienza piuttosto eterogenea, a dettare legge sembra essere un incontenibile D’Angelo che firma 4 dei 7 brani (gli altri 3 sono improvvisazioni collettive). Si sentono echi derivanti da tutto il jazz sperimentale – dalla new thing alla creative music, dal downtown jazz al Miles elettrico, dall'improvvisazione europea alla no wave più sinistra..., e la militanza del sassofonista in gruppi che vanno dai Chimera (con Erik Friedlander, Chris Speed e Drew Gress) ai Morthana (con Anders Hana e Morten Olsen) è già sintomatica di questa sua attitudene a spaziare in lungo e in largo, all'inseguimento dei recessi piÙ stimolanti della musica moderna.
I due dischi sono stati pubblicati anche in vinile ma, fate attenzione, la versione in LP di “Second Law of Thermodynamics” contiene il brano The nuclear medicine hepatobiliary scan al posto di BooBeeBooBeeBee, Morthana part 1, Morthana Part 2 e Meg Nem Sa.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/4/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´